SERIE A FEMMINILE, L’EROICA CAPELLETTI

(Luca Tegono) – L’inizio di partita, ormai televisivamente noto come “approccio”, faceva presagire, meglio sperare, in una gara equilibrata, ma tre minuti passano in fretta e questo è stato il tempo che il Parma Women è rimasto in campo. Progressivamente la Roma occupava la metà campo avversa e cominciava a rendersi pericolosa. Uno sventato colpo di testa a ritroso di Jelencic, intorno al quindicesimo minuto di gioco, dentro la propria area di rigore, forniva all’attaccante della Roma Haavi l’occasione per tirare al volo ed insaccare alle spalle di Capelletti.
Da lì il buio sotto una pioggia battente. In poco più di un quarto d’ora la Roma segna altri due goals rendendo ininfluente la seconda parte di gara che però, per regolamento, bisogna giocare. La sofferenza viene prorogata e le ferite aperte non si rimarginano a causa delle altre due segnature della Roma. Cinque a zero è il risultato finale.

La classifica della serie A ci mostra come 6 squadre siano nettamente più forti delle altre 4 tra le quali il Parma. L’obiettivo del Parma è pertanto quello di conseguire, seppur faticosamente, la salvezza.

Per tutto il primo tempo il Parma non ha fatto altro che regalare la palla agli avversari, già dal primo quarto di campo. Quella che viene chiamata “costruzione dal basso” e della quale non comprendo gli aspetti positivi né in serie A femminile né in serie B maschile e oltre, non ha sortito nulla di positivo ma, probabilmente, ha ingenerato nelle giocatrici un certo disagio a stare in campo, una sfiducia nei propri mezzi, visti i continui e reiterati errori. Il pressing molto alto delle giocatrici della Roma ha reso il sistema d’attacco del Parma del tutto inefficace. Il Sassuolo, contro cui abbiamo ottenuto la prima storica vittoria in serie A, invece, giocava trenta metri più in basso, dando così la possibilità al Parma di guadagnare con relativa facilità il campo per preparare gli attacchi.

Capelletti eroica nel cercare di opporsi, praticamente da sola, agli attacchi della Roma.

Che cosa ha lasciato la partita di Cesena?

Roma 5 Parma 0 Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “SERIE A FEMMINILE, L’EROICA CAPELLETTI

  • 6 Ottobre 2022 in 00:10
    Permalink

    Semplicemente non adatte alla A.

    • 6 Ottobre 2022 in 08:40
      Permalink

      Semplicemente da settimo o ottavo posto. Le squadre si costruiscono

      • 7 Ottobre 2022 in 10:26
        Permalink

        progetti ventennali ,che ridor

      • 7 Ottobre 2022 in 10:27
        Permalink

        poi scusa ve ,piu’ che altro le squadre si comprano ,e zo netra

I commenti sono chiusi.