IL GALLO DI CASTIONE / L’ULTIMA PERFORMANCE DI SOHM ASSUME CONTORNI MISTICI

(Il Gallo di Castione) – Oggi sono nati Steve Jobs e Gigi D’Alessio. Uno dei due è genio sicuramente: provateci voi a diventare ricchi cantando senza saper cantare. Penso a mente aperta, scrivo fuori di testa, leggo tra le righe e parlo a cuore scalzo. Praticamente, un pazzo in libertà: d’altronde non c’è fretta, aspetto che sia troppo tardi; come passatempo mi scopro a contare i buchi delle tapparelle, poi cerco un punto fermo che però chiede insistentemente di diventare virgola e mi confonde. Così mi perdo via e mi ci vedo, da vecchio, coi nipoti che mi portano in giro in carrozzina e mi imboccano la cannuccia per farmi sorseggiare il mio Negroni. Ed intanto ti chiedi il motivo: c’è sempre un motivo, ma spesso è poco orecchiabile, un motivetto stonato che non si capisce, tipo la meccanica quantistica della ventosa sturacessi.

Non sapevo se scrivere ancora, perchè ho subito pesanti critiche per il mio scrivere scurrile, tipo #tette e #meloni, mi rendo conto che #meloni è volgare, ma non mi sono mai permesso di scrivere #gargaglione #ingoio #nutrizionista se no che facevate? La satira me lo chiede: abbiamo capito che sarà un lunedì di merda, di una settimana di merda, di una vita di merda… Siete sicuri di non voler diventare uno scarabeo stercorario?
Così scappo in un universo parallelo dove voi donne la date senza tante storie, ma noi non la prendiamo così facilmente, dove ci sono adolescenti che limonano duro, ma non si fermano ogni volta che arriva un messaggio Uotsap, e in quel mondo incantato nessuno dimentica Lorenzo, che era un ragazzo che inventò la notte delle stelle per riuscire ad andare in camporella e fu giustamente fatto santo. #SanLorenzo.
Ma mi sembra il momento perfetto per far rientrare la ragione e far uscire l’immaginazione, così possiamo parlare del gioco del Pallone. Come dicevo nell’altro articolonzo, il gioco non è mai mancato. Sulla fascia sinistra Valenti e Oscar Wilde garantiscono uno strapotere fisico che, se ci aggiungiamo Bonny, fa paura; sulla fascia destra il soldatino ambientalista non sbaglia nulla ed ora si è messo a garantire gioco sulla fascia e gol preziosi alla squadra, se aggiungiamo l’intesa crescente col rinato Osorio possiamo dormire tranquilli come ha fatto Sohm nelle ultime apparizioni. Invece, udite udite, nella partita con il Cittadella sembrava un giocatore di calcio. Ha convinto in chiusura e pure in attacco, ha fatto l’assist del raddoppio ed altre azioni importanti. La performance di Sohm assume contorni mistici: Liverani si era rivolto alla Madonna di Fatima, D’Aversa aveva acceso un cero davanti alla Madonna di Cogolonchio, Maresca aveva provato con la madonna del chiodo (patrona dei muratori con scarsa mira) ed infine Iachini aveva provato con la madonna del mignolo, invocata dagli incontinenti notturni nel percorso accidentato al buio. Ora non è dato sapere chi abbia operato il miracolo, ma sabato scorso il formaggio svizzero coi buchi sembrava davvero un giocatore di calcio: ma tu guarda com’è possibile l’impossibile.

In mezzo Estevez ha fatto legna e il Mudo ha tessuto il gioco, in avanti uno splendido Inglese ha corso, pressato e incantato. Poi, quando son saliti Bernabè e Man, in pochi minuti abbiamo assistito ad occasioni e tocchi di palla preziosi.

Bonny e Tutino non hanno incantatoù, ma si sono impegnati, anche se con poco costrutto; il portierino è andato a farfalle un paio di volte esibendosi in improvvide uscite lontano dai pali, ma poi ha fatto il suo, ben protetto da tutta la squadra. Questa squadra che sta crescendo col lavoro quotidiano, peraltro come ci insegna la fisica nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma in un razzo missile con circuiti di mille valvole tra le stelle sprinta e va…

Siamo in crisi e tutti speriamo che migliorino le cose: l’infinita attesa del cambiamento è la colonna sonora di una vita che si sgretola, piantare ulivi per far godere le prossime generazioni di un posto all’ombra. Questo dovremmo fare, ed invece siam fortissimi nel tiro a campare, lancio del curriculum e vaffanculo sincronizzato. Così ogni mattina un giovane si alza e manderà il curriculum ad un’azienda che sta chiudendo per la crisi energetica. Non importa quale dei due sei, se tutto va bene siamo rovinati. E cresce il popolo dei divanati che guardano schifezze in TV tutto il giorno, però si danno un tono e una motivazione, come quello che mi ha raccontato “Io seguo il Grande Fratello perchè è un esperimento sociologico”. Ma vai a cagare! Allora io guardo i porno per studiare anatomia. Ed intanto la gente vive col riscaldamento spento per paura delle bollette, guarda le scie chimiche in cielo e pensa ai missili russi, rimpiange quei bei tempi del lock down quando l’unico sacrificio era stare in casa, ma si poteva uscire con la tuta da ginnastica e il cane al guinzaglio. Penso che i Maya avrebbero diritto a un secondo tentativo: sta andando tutto a rotoli, ma parlando di rotoli sembra che Amazon farà anche la carta igienica e il portarotolo wi-fi. Già me la immagino: Alexia, spassami il culo… Ora metto su il DVD dei Pink Floyd Live at Pompei… E magari faccio pure due caldarroste… Il Gallo di Castione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

5 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / L’ULTIMA PERFORMANCE DI SOHM ASSUME CONTORNI MISTICI

  • 16 Novembre 2022 in 21:48
    Permalink

    Anche un orologio rotto segna l’ora giusta due ore al giorno, no caro Sohm?

    Rispondi
  • 17 Novembre 2022 in 08:38
    Permalink

    Io impugnò con vigore invece la spadona crociata ed invoco dal Signorotto di Castione, la difesa ufficiale di Ser Sohm!
    Colui sa bene che sempre l’ho difeso nell’oscurità e come lui, altri baldi giovani, menando fendenti, perché intuivo la buona minimalita’(si può dire?) In sostanza, il libro de merda che tutti avevate buttato dopo aver letto poche righe, ancor l’ho tenuto, e solo io e Ser Sohm sappiamo come la singolar tenzone finirà…(toca Fer !!!….)
    Ecco toccherà a Pecchia far capire alla massa che Sohm giocava non perché ne mancavano dodici, ma perché realmente crede pure lui a quel Svizzero (mica di Novi…) e … l’altra domanda sarà…quanti minuti farà Sohm sabato prossimo? Qualcuno scriveva che un orologio rotto segna correttamente solo due volte al giorno, io dico invece che ha cominciato a segnare bene come un’orologio svizzero ,dai svizzero!!!…me gioco li coioni!!
    PS…nel senso che col culo mi appoggerei sulla testa una mela, vabbè che sei Svizzero, ma nemmeno sei Guglielmo, quindi per sta mela, aspettiamo ancora un po’ va’. Nessuno intanto ha niente da ridire su un greco per caso?..

    Rispondi
    • 17 Novembre 2022 in 13:04
      Permalink

      Come hai ben visto li pernacchio sia in negativo che in positivo, lo yogurt greco ha da venì. Non vedo l’ora che il centrocampista svizzero giochi col Liverpool in champion, così ricorderemo con nostalgia che ce lo ricordavamo quando al Parma giocava da schifo.

      Rispondi
  • 17 Novembre 2022 in 20:45
    Permalink

    Quando ti abitui alla m, con un po di zucchero, puoi scambiarla per nutella

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.