IL GALLO DI CASTIONE / TUTTI GIOCAVANO LA PROPRIA PARTITA (CHE NON ERA LA STESSA DEI COMPAGNI)

(Il Gallo di Castione) – Amici appassionati della storia, eccoci di nuovo a una lezione del professor Anatoly Balatz e stavolta è storia antica. Esistevano due ceppi fondamentali nella popolazione sumerica: i Sumeri cosiddetti semiti, e i Sumeri non semiti. Oggi non sapremmo nulla sulla differenza tra queste 2 popolazioni se non avessimo rinvenuto in un sito della Palestina (www.palestina.com) la tavoletta di Babilonia, che rappresenta Sumeri semiti e Sumeri non semiti intenti a raccogliere legname aiutati dai loro animali da soma. Ma tutto ciò a prescindere dalla somatina del sumerio dei somari dei Sumeri siano essi semiti o non semiti, somari o non somari, e sarebbe un bel somaro chi affermasse che è più somara la somatina del sumerio dei somari dei Sumeri semiti e non semiti somari e meno somara la somatina del sumerio dei somari dei Sumeri semiti e non semiti non somari. Anche perché non c’erano solo i Sumeri semiti e i Sumeri non semiti; c’erano anche i semiti non Sumeri, lo sappiamo in quanto siamo in possesso di documenti che riguardano una semita non Sumera somara di nome Samara, che sposò un Sumero semita non somaro di nome Somer, di qui l’incrocio tra il somaro di Samara, la Sumera non semita somara, che era più somaro e il somaro di Somer, il Sumero semita non somaro, che era meno somaro, ne nacque un terzo tipo di somaro che la scienza definisce ciuco. E qui mi fermo, anche perchè pare chiaro ai più che non ci capiamo un’ostia, come non ci raccapezzoliamo sulle vicende del nostro amato Parma.

Il Parma, ad inizio stagione, sembrava – finalmente! – una squadra e tutti i giocatori ne avevano un vantaggio. Avevamo finalmente una società e un allenatore, i tifosi si sono riavvicinati e hanno riempito la Curva: laddove non ci arrivavano i singoli ci riusciva il gruppo, si è rivisto il gioco. Poi non so cosa sia successo, ma da famiglia del mulino bianco pare di vedere adesso un convegno di terrapiattisti, ognuno perso per le sue strampalate idee. Ognuno in campo sapeva cosa fare. Eravamo una squadra, un gruppo di persone che si fidavano gli uni degli altri, ciecamente. Cosa li spinge, ora, a essere indifferenti verso la squadra, verso colleghi che in loro assenza dovranno svolgere il lavoro che per qualche futile motivo non hanno voluto impegnarsi a fare. Cosa spinga loro, ma alla fine spinga tutti, in senso generale, senza distinzione di sesso, età, censo, lavoro, a credere di essere in perenne credito col mondo. Di essere dalla parte della ragione, sempre e comunque.

Ho visto il polacco esibirsi in 3 inutili colpi di tacco, ho visto il croato inseguire la fama di San Siro e smarrire la fame del mediano, ho visto Valenti provarci ed arrabbiarsi del nulla intorno, ho visto il grande portiere andare a farfalle in mezzo al campo perché la porta ormai lo annoia, ho visto lo svizzero tornare nella sua per ricordarci che non si sbagliava chi lo criticava, nell’insieme ho visto che giocavano tutti la propria partita, ma che forse non era la stessa partita dei compagni.

E poi parliamo di due maledette deviazioni che hanno cambiato il destino delle ultime due partite, e poi parliamo dell’arbitro che ha fischiato due rigori che “c’erano forse” e ne ha ammucchiate altre meno eclatanti, ma alla lunga determinanti. Un noto produttore cinematografico ha organizzato un set pornografico con la tribù dei nibelunghi e una ragazza disinibita, coniugata con un arbitro. Per dimostrare per l’ennesima volta che l’arbitro è cornuto, specie se deve favorire la carriera cinematografica della moglie.

Ma per parlare della squadra del Parma Calcio, che cosa non mi è piaciuto della partita di Bari? L’atteggiamento dei “sepensanti campioni”, a partire dallo scrittore Inglese che vuol giocare in Premier per continuare con i protagonisti a San Siro che (basta poco), si sentivano superiori e si degnavano provvisoriamente di giocare in serie B.

Gli sguardi a metà fra il rassegnato e il checazzomenefrega che accumunavano giocatori ed allenatore. Dopo la sosta con la nazionale lo smembramento della società (che cambia i dirigenti più spesso che l’olio nella macchina) ha prodotto totale anarchia e si ha l’impressione di rivedere negli occhi di Pecchia lo stesso sguardo di D’Aversa e Iachini, mpotenti dopo avere comandato importanti battaglie. La mancanza di cattiveria e di agonismo – vedi i due passaggi al portiere avversario al posto del tiro nelle scarse occasioni capitate per puro caso – oppure nella decisione sugli scontri di gioco oppure nel pressing pressoché inesistente.

E adesso vi dico che cosa non mi piace in senso più vasto. Non desidero mangiare insetti. Non voglio un’ auto elettrica, è una vita che cerco il punto G, adesso non mi metterò a cercarne 5, di G. Non voglio fare senza il denaro contante in quanto, come a tutti, mi piacciono i soldi. L’identità digitale mi fa schifo, finiremo a rimpiangere quelli che “lei non sa chi sono io”. Voglio restare come l’ultimo dei montanari che non ha mai lasciato la sua casa che si chiede cosa ci sarà mai oltre l’orizzonte. E guardare da lontano due eschimesi timidi che non sanno come rompere il ghiaccio. Il Gallo di Castione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

26 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / TUTTI GIOCAVANO LA PROPRIA PARTITA (CHE NON ERA LA STESSA DEI COMPAGNI)

  • 19 Gennaio 2023 in 12:59
    Permalink

    Mi avvalgo della facoltà di non risponderle, la facoltà di scienza del turpiloquio che frequentai all’anormale di pisa. Neanche 2 righe sulla causa principale di tutto, ha scato carli…

    Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 14:55
    Permalink

    Mi auguro che il parma contro il Perugia canta come il gallo 🐓 🐓 💪🏾💛💙

    Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 18:56
    Permalink

    Ormai il Re è nudo. Basta vedere quello che si scrive su tutti i media parmigiani: stadio, stadio e ancora stadio! Finiremo in C o in D. E chi se ne frega, per Craus.

    Rispondi
    • 19 Gennaio 2023 in 21:13
      Permalink

      Intanto “Biuffon” è fermo di nuovo. Ormai siamo alla farsa

      Rispondi
    • 19 Gennaio 2023 in 21:42
      Permalink

      Nonostante le critiche che non lesino a società compresa di KK e ai giocatori, il pessimismo della retrocessione mi sembra eccessivo.
      E comunque passibile di gesti scaramantici ed etichette applicabili ai portatori di sfiga. Forza che ci salviamo !!

      Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 20:47
    Permalink

    Leggo che Buffon si è rotto ma non colgo il significato. La grancassa edile continua la fanfara per la costruzione del nuovo tempio. Giusto ieri si diceva che per snellire i lavori si useranno prefabbricati non più travi griffate. L’emblema della nuova società rivestito di luccicanti pannelli cambierà, un più sobrio cappotto come i tanti cremini che si vedono in la città, con il motto al 110% si lotterà. I due anni di esilio saranno duri, intaseremo la via Emilia. Vedremo i nostri ritornare cresciuti, chi sembrerà un ometto e chi un nonnino, ci ricorderemo di quando erano partiti con i cartoni e i piedi doloranti, stanchi di ospedali e astanterie, malmessi e claudicanti. Torneranno impetuosi. Chi sognava la League, chi vedeva la serie A ma ancora tutti qua, invenduti e alcuni scaduti.

    Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 22:19
    Permalink

    SONO UN VEGGENTE ANDATE A VEDERE COSA SCRISSI SU BUFFON !!! IN TEMPI NON SOSPETTI DOPO LA PARTITA DI SAN SIRO DISSI BUFFON E’ TORNATO PERCHE’ SI GIOCA A SAN SIRO IN DIRETTA NAZIONALE ….. POI DISSI DOPO SICCOME AL CIRCO KRAUSE I GIOCATORI FANNO QUEL CAZZO CHE VOLGLIONO SE LA MOGLIE LO RECLAMA IL SABATO E LA DOMENICA GIOCHERA’ AL MASSIMO DUE O TRE PARTITE E GLI TORNERA IL MAL DI SCHIENA !! OK MI SONO SBAGLIATO NE HA FATTO UNA SOLA !!!!!!! CHE SKIFO …… COSA GLI HANNO FATTO UN CONTRATTO LUNGO A FARE !! SE NON SI REGGE IN PIEDI MA APPENDA I GUANTONI AL CHIODO O VADA IN ARABIA NON AVEVAMO ABBASTANZA DI INGLESE CON GLI STIPENDI A QUESTI DUE POTEVAMO RIFARE LA SQUADRA MA A KK PIACE RACCOLGIERE FIGURINE

    Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 22:24
    Permalink

    a parte che non se ne puo piu di sentire chi gioca dire ho incontrato buffon era il mio idolo oppure ho iniziato a giocare per buffon ….mi regalo i guantoni che ero in culla e puttanate varie i portieri ……..per non parlare di chi segna o segnato a buffon era il mio sogno ………adesso posso morir ho segnato a buffon o stupidaggini del genere non se ne puo piu’ ………BASTA BUFFON spariraì andra in giro a fare rappresentaza per i suoi affari e a fare tweet a tutti tranne che per il parma o le sue cause

    Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 09:56
      Permalink

      D’accordo con te al 1000×1000. Non se ne può più di leggere quelle cazzate li, soprattutto dopo le sconfitte che nell’era Craus si sa sono praticamente all’ordine del giorno.

      Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 11:53
      Permalink

      Ma Biuffon non va al Milan ad aiutare il Santone pelato che finito il culo iniziato con l’autogol di Darmian al Tardini è tornato nella sua mediocre dimensione?

      Rispondi
  • 19 Gennaio 2023 in 22:28
    Permalink

    Il “comunicato” del CCPPC contro Craus ha la stessa “garra” dei nostri piploni molli come la sciolta di cane che ha mangiato l’erba medica.

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 10:10
    Permalink

    Aspettiamo con ansia la conferenza stampa della mezza per scoprire quale nuovo giovin piplone molle come la sciolta non sarà disponibile per la gara di domani. Come si sa è un via vai perenne tra Collecchio e il Cardinal Ferrari, con Romagnoli e Cobbaut che hanno già prenotato il letto fino a giugno. Buffon, i due romeni e Sciarpentié (la perla di mercato dell’Incompetente che schifato da Cheddira ha puntato sul giovane africano scartato da Frosinone e Genoa e rotto) hanno invece opzionato una confortevole tripla da occupare in modo alternato.

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 11:03
    Permalink

    io ho pronto un due aste “AMERICA’ FACCE TARZAN!”

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 13:19
    Permalink

    Ecco come previsto il piplone di giornata: Mihaila. D’altra parte i minuti zocati a Bari sono troppi. Aspettiamo con ansia un nuovo stop di Sciarpentié

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 14:51
    Permalink

    il rumeno gioca 5 minuti e torna in infermeria ……..però l anno scorso a bergamo in 6 mesi non ha avuto problemi fisici come lo spiegate ? il pelato il genio che che vende cheddira per 300.000 eur e compera carpentier rotto per 2ml ebbene quello lì non sa il motivo degli infortuni anzi a suo dire il problema non c è ( come il centravanti ) siamo nella media ma va ………

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 15:01
    Permalink

    certo il comunicato dei boys e del coordinamento e a livello dei pipponi dei giocatori molle molle è ancora molle !!! se facessero meno parole scritte e più fatti allo stadio ( si facciano sentire ogni tanto ! invece di fare sempre il volemosi bene ) forse la società si darebbe una mossa !!! secondo voi chi manda la società a parlare tra un la labrusco è un po’ di prosciutto lui il pelato Pederzoli !!! che gli dirà che sono falsi problemi ( come il centravanti ) e che lui e’ sicuro che faranno un gran girone di ritorno ! poi ci sarà il presidente dei club altro gran personaggio che dirà che vogliono la maglietta bagnata non sa dire altro ! e ‘ 10 anni che gli sento dire solo maglietta bagnata e leccare i vari presidenti avrebbe leccato anche manenti

    Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 17:13
      Permalink

      Krause non sa neanche cosa vuol dire la maglietta 👕 bagnata

      Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 18:56
      Permalink

      L’Incompetente andrà a parlare col Manfro e stureranno una boccia di Otello e biaseranno tre fette di salame.

      Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 16:19
    Permalink

    certo che ora si può dire che Buffon al ne mighe ste un aferi pr’al Perma, e neanche nello spogliatoio.
    Se ne “vadi” anche lui a fare il monumento da qualche altra parte.
    Giovanissimi. giovani, mezza età, maturi ed anziani hanno deluso tutti.
    ho l’impressione che regni il menefreghismo tra loro, e mio incazzo a vedere sfrecciare le loro Rengrover, Pors e Lamborghini sulla tangenziale verso Collecchio

    Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 17:04
    Permalink

    Intanto domani gli attaccanti a disposizione sono i due dipendenti di bola ( Charpentier e inglese), benedyczak l’ala pura e Bonny l’uomo dalle palle quadre. Fiuto i nuovi inserimenti di pecchia nel suo inamovibile schema di gioco. Non so provare a mettere ala destra Vazquez e ala sinistra circati. Oppure i noti Hainaut sohm Camara ?
    Ma come dice lui la squadra è completa.
    Domani solito assalto con palla orizzontale, finte sovrapposizioni dei terzini e speranza di buttarla dentro contro una squadra che fa del 9/0/1 il proprio modulo.
    Se non facciamo gol velocemente, finisce come contro spal, Benevento e Modena.

    Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 18:16
      Permalink

      Qualcuno dei suoi esperimenti lo farà di sicuro…

      Rispondi
    • 20 Gennaio 2023 in 18:53
      Permalink

      A pensare a domani, al Perugia di quel bel uomo di Castori (probabilmente la peggior squadra in Europa) e a vedere sulle fasce Bonny e Sohm cendolanti e molli come la sciolta di cane quando mangia l’erba medica, il piplone polacco claudicante e davanti Inglese direttamente dal cardinal Ferrari mi viene un prolasso intestinale dallo schifo. Per portare Romagnoli in panchina installeranno una lettiga e porteranno un paio di pitali. L’Incompetente intanto non ha battuto chiodo, ma si sa ha preso Sciarpentié altro che Cheddira e Coda. Taçi a gennaio 2015 aveva fatto un mercato che l’Incompetente se lo sogna ed è tutto un dire.

      Rispondi
  • 20 Gennaio 2023 in 19:42
    Permalink

    Scrivete troppe cagate e sempre le stesse….

    Rispondi
  • 21 Gennaio 2023 in 08:24
    Permalink

    Chicche della nonna
    Bonny il giocatore di gran lunga più forte del Parma tra due anni …
    Benediciack è un buon prospetto …
    Inglese se sta bene non c’è né per nessuno …
    Inglese in serie B non c’entra nulla …
    Questa non è la serie B ma un’A2
    Cheddira … non era intenzione del giocatore di restare a Parma
    Il Parma è una corazzata …
    Maresca, Iachini, Liverani, incompetenti Pecchia grandissimo allenatore …
    I giocatori infortunati devono recuperare integralmente e non essere rischiati alla prima occasione
    Sarpentier è stato valutato alle visite molto più a fondo di altri per il suo trascorso di infortuni
    Il mercato non serve la rosa è completa
    I giovani hanno bisogno di tempo (da notare che indicano anche i tempi, tre – quattro anni)
    IlParma giocherebbe meglio in serie A
    In serie B serve aggressività e corsa, la tecnica serve a poco …
    Il nostro possesso palla è il migliore del campionato
    Serve un attaccante, e abbiamo una delle peggior difese del campionato …

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *