mercoledì, Maggio 29, 2024
Fotogallery AmatorialeNews

PARMA110 – GIGI APOLLONI, UNA VITA DA CAMPIONE: CHE EMOZIONE ALLA MOSTRA “UN AMORE CHIAMATO CALCIO” (FOTO)

CLICCA QUI PER LA FOTOGALLERY

(www.parmacalcio1913.com) – Girovagando fra il Museo Ernesto Ceresini e la Tribuna Petitot allo stadio Ennio Tardini, è capitato di immergersi fra maglie, cimeli, ricordi e, soprattutto, storie di Uomini e di Campioni. Nel tardo sabato pomeriggio, la sala stampa dell’Ennio ha ospitato la presentazione del libro “Un amore chiamato calcio”, realizzato dalla passione e dall’abnegazione della Lega dei Collezionisti, presieduta da Agostino Lattuille che l’ha ben rappresentata al fianco del direttore operativo del Parma Calcio Stefano Perrone, a Francesco Frignani, uno dei responsabili dell’associazione Parma Museum Onlus e curatore della mostra, e a Gigi Apolloni, che ad oggi detiene il primato di calciatore con più presenze nella storia della Maglia Crociata.

Un viaggio, di racconti, aneddoti, sudore, sangue (come ha sottolineato Apolloni con accezione sportiva) e risate. Un viaggio che ha tenuto inchiodati alla sedia i tifosi e i collezionisti, semplici curiosi, giovani e meno giovani. Tutti uniti dalla voglia di ascoltare, di sapere, di entrare nella storia di un uomo, Apolloni, che con questa maglia ha fatto grandissime cose.

Essere al fianco di Gigi è un onore, a raccontare qui un pezzo di storia del Parma, per serietà, per presenza, per quello che è stato e che rappresenta per Parma” ha evidenziato Francesco Frignani sommerso dagli applausi della platea mentre introduceva Apolloni. “Ci auguriamo che il libro possa soddisfare tutti – ha proseguito – ma siamo felici di aver contribuito noi come Parma Museum insieme alla Lega dei Collezionisti e al Parma Calcio ad aver mostrato alla città di Parma una mostra che vale la pena venire a vedere“.

Apolloni ha raccontato la sua storia a 360 gradi. La sua esperienza in campo, l’emozione di tornare al Tardini, il vedere oggi le maglie appese di un Parma vincente di cui ha fatto parte, il rapporto calciatore-tifoso. E poi una serie di ricordi, di campo e personali che hanno fatto sorridere per la genuinità e la bellezza: “Gli ho parcheggiato per venti anni la macchina davanti al garage” racconta un tifoso, “la cosa bella che non ha mai protestato. Questo è Gigi Apolloni” e gli applausi sono sfociati in selfie, foto e autografi, prima di un altro tuffo fra le maglie esposte nelle teche, piene di passione e vita. E anche una foto, insieme al Sindaco Michele Guerra, e agli organizzatori della mostra. Il primo cittadino di Parma non ha voluto mancare all’appuntamento con una mostra che racconta la vita sportiva del Club della città ma anche la vita che ci ha accompagnato dal 60′ ad oggi. Perché, questa mostra, è nata sulla storia del Parma Calcio, ripercorrendo le partite, le gioie, le sofferenze, gli aneddoti, e la storia dei nostri avversari. Il calcio, in fondo, è bello perché unisce tutti.

IL PROGRAMMA – DOMENICA 26 MARZO
L’appuntamento parmigiano è focalizzato sulla nostra squadra e sulle sue avversarie, affrontate in ogni categoria, in sfide che hanno segnato il proprio secolo di vita, oltre che sul fascino dell’Italia e della sua maglia azzurra. Dopo la giornata di sabato, l’evento prosegue  domenica 26 marzo con orario continuato dalle ore 10:30 alle ore 19, al primo piano della Tribuna Petitot.

ACCESSO MOSTRA “UN CALCIO CHIAMATO AMORE”
L’accesso alla manifestazione sarà libero e gratuito. Queste le modalità con cui i visitatori potranno accedervi:

  • domenica 26 marzo, in concomitanza della partita di Serie A Femminile Parma-Sassuolo, esclusivamente a piedi dal passo carraio di Piazzale Risorgimento

CLICCA QUI PER LA FOTOGALLERY

Stadio Tardini

Stadio Tardini

2 pensieri riguardo “PARMA110 – GIGI APOLLONI, UNA VITA DA CAMPIONE: CHE EMOZIONE ALLA MOSTRA “UN AMORE CHIAMATO CALCIO” (FOTO)

  • Il simbolo di un Parma che non c’è più. E non aggiungo altro.

  • Ma se l’Arzignano viene in B, l’anno prossimo con i nostri piploni molli come la sciolta che perderanno sicuro possiamo ancora dire ricordati quando eravamo ad Arzignano?

I commenti sono chiusi.