lunedì, Marzo 4, 2024
News

COMINCIA LA STAGIONE DI GIOCAMPUS ALLO STADIO TARDINI: “MODELLO UNICO IN ITALIA”

(www.parmacalcio1913.com) – Allo stadio Ennio Tardini è iniziata l’edizione 2023/2024 dell’attività didattica di Giocampus Scuola con il Parma Calcio. E’ un’iniziativa ormai tradizionale, che coinvolge le classi terze e quarte delle scuole primarie di Parma della rete di Giocampus, l’alleanza educativa territoriale di cui il nostro Club è consolidato socio sostenitore.

Come conferma il Managing Director Corporate, Luca Martines: “Giocampus è un modello unico in Italia, che sopperisce nelle scuole primarie con esperti qualificati alle lacune del sistema pubblico, interagendo con esso. Tutte le iniziative di Giocampus danno la possibilità ai bambini di Parma e del suo territorio di crescere secondo i corretti stili di vita riguardo alle scienze motorie e all’educazione alimentare. In 23 anni di sua attività i risultati concreti sono sotto gli occhi di tutti. A livello nazionale Giocampus è un esempio che dovrà essere seguito. Siamo un socio sostenitore convinto proprio per queste finalità, che combaciano con le missioni sociali di un Club di calcio”.

null

Gli alunni alternano un’ora di visita guidata al Tardini, che comprende il Museo del Parma Calcio ‘Ernesto Ceresini’, il tour degli spogliatoi, del campo da gioco e della sala stampa, curata da Franco Bardiani di Parma Partecipazioni Calcistiche, con un’ora di educazione alimentare negli ambienti dell’area hospitality, grazie alle competenze dei ‘Maestri del Gusto’.

Il responsabile di Giocampus, Elio Volta: “Il legame con le società sportive del territorio per Giocampus è imprescindibile. Il Parma Calcio per lo sport parmigiano è un simbolo, insieme al suo stadio Ennio Tardini, con le loro funzioni di Club e luogo a servizio della comunità. Questa attività, diventata ormai una tradizione sempre più partecipata, ne è una dimostrazione. Siamo orgogliosi che il Parma faccia parte della nostra grande famiglia. Il nostro rapporto è un reciproco valore aggiunto di arricchimento”.

 

null

L’esordio odierno della stagione 2023/2024 ha avuto come protagoniste le classi terze della scuola Micheli di Parma. Questa iniziativa è sempre molto apprezzata da insegnanti e bambini. Un gradimento crescente, che è confermato dalle adesioni ricevute per l’edizione di quest’anno, cominciata oggi e che terminerà a fine maggio, con cinquantatré classi interessate e oltre mille alunni.

Alla prima tappa, per testimoniare l’importanza che le due realtà conferiscono a questo progetto, oltre ad Elio Volta, responsabile di Giocampus, e a Luca Martines, Managing Director Corporate del Parma Calcio, era presente anche Giuseppe Squarcia, Football Social Responsability, colui che coordina questa attività per il Club. E che ha spiegato: “La squadra di pallone che rappresenta la propria città ne costituisce un suo patrimonio sociale, ma anche culturale, che va conosciuto, stimato, amato e sostenuto. Affiancare a un momento di educazione alimentare, la scoperta della storia del Parma e le emozioni che trasporta significa tramandare di generazione e in generazione un vissuto che si riflette sullo spaccato della nostra comunità in ogni epoca. E’ un’importante lezione di senso d’appartenenza alla propria collettività”.

null

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “COMINCIA LA STAGIONE DI GIOCAMPUS ALLO STADIO TARDINI: “MODELLO UNICO IN ITALIA”

  • Luca Ermacora

    Bella iniziativa 😉

  • Ottimo, anzi speriamo siano sempre più le iniziative così. E’ il solo modo per fare in modo che nascano e crescano meno strisciati, una vera anomalia e malattia del tifo italiano, anche se purtroppo il cattivo esempio in famiglia (il classico padre “interista” o “juventino”) è devastante. E il comodo rifugio della strisciata e dello “scudetto” è spesso un serpente tentatore. Basti vedere le varianze interne alle tre strisciate, che vedono spostamenti dal rosso, all’azzurro al bianco a seconda dei periodi. Bisognerebbe fare cultura del tifo, spiegando che essere ‘”interista” e godere per aver battuto il Frosinone è da sfigati.

    • Questa volta meriti una standing ovation!!

  • Io mi sono sempre chiesto cosa porti un pramazano, ma vale per qualsiasi altra città con una squadra almeno di serie C, ad essere “interista” o “juventino” o “ milanista”. Che cazzo mi rappresenta l’Inter? Che valori incarna, che identità? Esultare come un baluba perché segna “Lautaro” e batti il Verona? Ma d’altra parte abbiamo l’esempio del parmigiano 100% santone Pioli tifoso interista da sempre e col Milan tatuato sul braccio (forse anche la Fiorentina).

I commenti sono chiusi.