lunedì, Luglio 22, 2024
L'ìnsostenibile leggerezza del palloneNewsVideogallery Amatoriale

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / SCELTE SBAGLIATE O INDICAZIONI MAL ESEGUITE? (HIGHLIGHTS)

(Luca Tegoni) – Il Parma non ha fatto la partita che avrebbe voluto fare semplicemente perché in campo c’è anche una squadra avversaria. I due interventi di Hainaut (si comincia a sentire una pronuncia accettabile) che hanno pregiudicato i piani iniziali sono figli di indicazioni, probabilmente “pressare alto”, che non hanno tenuto in considerazione la possibilità che l’avversario potesse anche anticipare la veemenza del nostro. Soprattutto il secondo fallo, eseguito ancora più alto, a trequarti campo, è frutto di mancata indicazione, o mal recepita, di non fare falli inutili e giocare più con la testa che con i piedi. Quindi due ammonizioni scaturite da scelte sbagliate o da indicazioni mal eseguite. Che l’arbitro sia scarso conta poco.

In dieci giocatori Pecchia ha riposizionato la squadra abilmente e, a parte i minuti finali del primo tempo con quel tiro velleitario finito sull’incrocio dei pali, non ha sofferto l’inferiorità numerica. Difficile dire se il Parma con undici giocatori in campo sarebbe riuscita a fare meglio: probabile, ma non certo.

Il fatto che le pretendenti alla promozione diretta siano incappate in risultati ben più negativi avvantaggia il Parma che mantiene il vantaggio sulle seconde di almeno due punti. Non c’è una squadra più forte o più efficiente del Parma, e il Parma non è la squadra più forte del campionato.

La partita giocata ieri dal Parma non soddisfa sia per la prestazione sia per il risultato. Per andare in serie A vincere contro le squadre deboli è quasi un obbligo.

La scelta di avere venti titolari fino ad ora ha avuto successo, il primo posto dopo diciassette partite non è certo frutto del caso. Dalla partita di Lecco in poi, però, qualcosa ha fatto inceppare la corsa del Parma che non sorprende più nessuna squadra e ha dovuto imparare ad affrontare gli avversari con più fisico che abilità. Indipendentemente dai risultati delle altre, qualcosa da sistemare, qualche scelta che si riprenda quella supremazia iniziale è necessario che Pecchia la proponga. Accorgimenti tecnici e tattici in corso d’opera spesso sono necessari. Magari già da sabato contro la Ternana, penultima in classifica.

Cosenza e Parma zero a zero. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

5 pensieri riguardo “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / SCELTE SBAGLIATE O INDICAZIONI MAL ESEGUITE? (HIGHLIGHTS)

  • Il Parma È nettamente la squadra più forte del campionato.
    A parte questo, per il resto, sono d’accordissimo su questa disamina.

  • Nel complesso come squadra siamo i più forti, non forse a livello di rosa.

  • Triple-sec

    Meno male che l’angolo della leggerezza non chiude mai i battenti.
    Hainaut l’ultima volta era stato scelto come titolare da Pecchia nel Dicembre del 22. Al ragazzo infatti è toccata in sorte la rotazione Plutonica. Per questa ragione il francese voleva dimostrare a se stesso, ad amici e parenti che anche i pianeti più lontani possono esercitare un’influenza. E così è stato. In questo modo noi abbiamo perso l’opportunità di portarci a +4 che rispetto al +2 protegge dagli scontri diretti, Pecchia è rimasto basito, Porta attonito ed il ragazzo dal labiale ha chiaramente detto “merd..”. Del resto secondo il calcolo infinitesimale e in accordo con Euclide toccava proprio a DelPrato cedere il ruolo liquido di terzino e la fascia di capitano nono stante stesse bene. Le rotazioni sono fedeli…gli astronomi sanno già quando apparirà la prossima cometa e allo stesso modo il mister conosce perfettamente la formazione che metterà in campo ad esempio il 10 maggio alle 15. Hainaut invece lo vedremo ancora titolare nel Dic 24…ovunque saremo. Ps per il lunario… questa è stata la 16° formazione del Parma biodiverso su 17.

  • Prepariamoci all’ennesima variazione in difesa, sperema be’….

  • Triple-sec

    Leggo che in tanti invocano l’intervento della Società per richiedere maggiore attenzione da parte degli arbitri diciamo troppo inclini al “fai da te” o doppiopesisti. Il direttivo dei direttori del Parma ha convocato un tavolo per scegliere a quale dei suoi membri affidare di redigere un breve documento e convocare la stampa per un’intervista. Questo compito toccherà all’ex Bruges, ad uno (o entrambi) gli ex Southampton, al dirigente del Parma ai primi posti in classifica delle 100 personalità più influenti della città (che però per sua stessa ammissione non ha mai frequentato il mondo del calcio), al globetrotter Pederzoli terzo in classifica dei 100 direttori sportivi meno influenti del pianeta, ad un X con emoticons di krause, ad Hainaut? Chi alla fine verrà incaricato? Di certo il comunicato sarà necessariamente in Inglese con sottotitoli multilingue. Nell’attesa della fumata (bianca), Oliver ha interrogato l’intelligenza artificiale che ha già prodotto un pdf e un vocale da mandare alle Redazioni e ai TG.

I commenti sono chiusi.