domenica, Maggio 26, 2024
Femminili Parma CalcioL'OpinioneNews

FEMMINILE, CARO PARMA NEL 2024 DEVI FARE COME COLANTUONO 2023. DOMENICA IL BIG MATCH COL GENOA CON LE NUOVE

(Gmajo) – In attesa del ritorno della Serie B Maschile, riflettori tutti puntati sulla Serie B Femminile che, domenica 7 gennaio 2024, riparte, tra l’altro con il big match Genoa-Parma.
Le rossoblù liguri delle ex Arianna Acuti ed Emma Raffaella Errico  – già affrontate in amichevole dalle Crociate sullo stesso campo “Nazario Gambino” domenica 3 settembre 2023, ultimo test del pre-season (1-0) – sono quinte in graduatoria (21), in realtà abbastanza distanti dalla coppia delle immediate inseguitrici (le Crociate e il Cesena, 28) del tandem di testa (Ternana e Lazio, 30).

Rispetto alla gara di allora il roster della formazione di Mister Salvatore Colantuono è piuttosto cambiato: infatti, nelle ultime ore, la società del presidente Kyle Krause ha ufficializzato – sul neonato canale Instagram declinato in rosa – l’arrivo di due nuove calciatrici, entrambe provenienti dall’Arezzo, la centrocampista offensiva Szandra Ploner classe 2002, e la centrocampista Azzurra Corazzi classe 2001. Ma non sarebbero gli unici due movimenti in entrata, secondo le classiche indiscrezioni gracchiate da Radio Mercato: si dovrebbero aggiungere, infatti, anche, ulteriori due rinforzi, in arrivo dal Como, ossia: Greta Di Luzio classe 1999, attaccante e il difensore Carlotta Masu classe 2001.

In uscita, oltre all’attaccante greca Anastasia Spyridonidou che aveva lasciato già prima della sosta, rimanendo in patria, per motivi personali, dopo l’ultima presenza in Nazionale, il difensore Margherita Brscic, che lascia esattamente un anno dopo l’arrivo nel precedente mercato invernale, e già immortalata in allenamento con il Bologna (via Juventus ove era rientrata per fine prestito). Le felsinee si avvarranno anche delle prestazioni di Matilde Fuganti, non molto utilizzata nella prima parte di stagione, così come Giorgia Miotto, passata all’Arezzo, il portiere Rebecca Tinti e l’attaccante (da poco tornata a disposizione dopo un intervento al legamento crociato) Chiara Micheli, assieme alla Sampdoria.

Mister Salvatore Colantuono, però, dovrà fare i conti ancora con qualche assenza pesante, tra cui quelle di Sofia Kongouli, Laura Peruzzo e Ludovica Silvioni: va da sé che sono presenze fisse negli allenamenti almeno cinque calciatrici della rosa della Primavera di Coach Ilenia Nicoli tra cui la calciatrice cresciuta nel prolifico vivaio gialloblù Alessia Marchetti, autrice di uno dei tre gol rifilati al Tavagnacco nell’ultimo match pre-natalizio al Noce.

L’imperativo delle Crociate è quello di continuare la striscia di vittorie consecutive (sono 6) per mantenersi nella scia delle due capolista che distano due punti, smarriti in alcune uscite a vuoto con squadre di caratura decisamente inferiore nella prima parte della stagione, quando, ancora non si concretizzava l’evidente strapotere (visibile ad occhio e certificato dai dati) con le relative segnature. Infallibili, viceversa, le nostre negli scontri diretti con le più accreditate alla promozione, obiettivo, questo, che non si può certo fallire, dopo il flop della stagione precedente, quando la Serie A appena acquistata è svanita al termine, pur potendo contare su una rosa ben più cara rispetto a quella di società in palesi difficoltà come Pomigliano e Sampdoria. Come direbbe Ghirardi, se alla fine ci sarà l’anelato passaggio di categoria sarà un “debito saldato”.

In sostanza, in questo 2024, le allieve di Mister Salvatore Colantuono dovranno emulare il proprio allenatore, distintosi per avere conquistato più punti di tutti, nelle gare di campionato nell’anno solare 2023 (45 punti con il Cittadella, 28 alla guida del Parma, per un totale di 73 (il più alto dal 2018 ad oggi), due in più dei 71 dell’allenatore della Ternana Fabio Melillo (41+30) e tre in più dei 70 del coach romanista Alessandro Spugna (37+33) però raccolti in 25 gare in campionato, cioè quattro in meno dei colleghi di Serie B, ottenendo quindi una media punti maggiore (2,80 a partita) contro i 2,52 di Colantuono e i 2,45 di Melillo. Proprio grazie a questi numeri Mister Salvatore Colantuono potrebbe ricevere l’ambita Panchina d’Argento, anche se dovrà vedersela principalmente con Melillo, per quella d’oro non dovrebbe avere problemi Spugna.

A proposito dei suoi 73 punti collezionati in un indimenticabile 2023, Mister Salvatore Colantuono aveva risposto alle domande dell’attenta giornalista, nonché speaker delle gare del Parma Femminile Erika Martorana: “E’ un obiettivo personale che ho raggiunto, ed è il punteggio più alto raggiunto dagli allenatori italiani in circolazione. E’ una cosa che mi rende orgoglioso, ma non è merito mio, ma del Cittadella che allenavo prima e del Parma adesso, ma è solo un traguardo personale che mi ripaga dei sacrifici che faccio e di questo devo dare i meriti al mio staff, in particolare al mio secondo Daniele Preti che mi segue ormai ovunque da qualche anno ed è il mio fido collaboratore, una persona con cui condivido praticamente tutto ed è stato un elemento che mi ha seguito dal Cittadella, quindi diciamo che questi punti li abbiamo fatti assieme nelle due mezze stagioni. Ma la cosa che conta di più è il Parma: corriamo forte insieme nel 2024…”. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “FEMMINILE, CARO PARMA NEL 2024 DEVI FARE COME COLANTUONO 2023. DOMENICA IL BIG MATCH COL GENOA CON LE NUOVE

  • Luca Ermacora

    Forza ragazze, conquistiamo la promozione in questo 2024!

I commenti sono chiusi.