mercoledì, Luglio 24, 2024
L'OpinioneNewsVideogallery Amatoriale

FEMMINILE, QUER PASTICCIACCIO BRUTTO DE LE DIRETTE SALTATE (VIDEO)

(Gmajo) – La diretta streaming della partita di Serie B Femminile Parma-Pavia Academy di ieri, domenica 14 gennaio 2024, diffusa dalla piattaforma Be.pi Tv – cui la Divisione Calcio Femminile della F.I.G.C. ha assegnato i relativi diritti di trasmissione dalla seconda giornata del torneo cadetto – è durata appena 43′, neppure un tempo di gioco. Poi una interruzione nel collegamento ha impedito ai tifosi e agli sportivi delle due squadre di seguire il prosieguo della sfida anticipata di un’ora rispetto al big-match tra Ternana e Lazio delle canoniche 14:30. Be.pi Tv avrebbe poi rimediato in tarda-serata proponendo la differita del match.

Un antico adagio recita: solo chi non fa non sbaglia, ma è palese che topiche di questo tipo andrebbero prevenute, senza lasciare nulla al caso, ma, evidentemente, a Roma questa estate, quando hanno operato la scelta, a stagione già iniziata, devono aver prevalso altri tipi di ragionamento.
Nella mia ignoranza non conoscevo Be.pi Tv che fino a quel momento si era occupata di calcio dilettantistico (del resto le calciatrici della B non hanno lo status di calciatrici professioniste, che vale solo per quelle di Serie A), ma, giocando un po’ coi ricordi, mi divertiva l’assonanza con Mapi Tv o meglio Mapi Channel del mitico Manenti, diventato nel tempo un personaggio cult, cui dei bontemponi han dedicato un seguitissimo spazio virtuale; non solo, mi faceva riflettere il dato che, a quei tempi, avessero circa 3.000 iscritti, più o meno la metà di quelli del canale di Coach 6100 di Franco Ricci (specializzato in calcio giovanile). Vedo che dopo l’inizio dell’operazione, Be.pi Tv li ha oggi raddoppiati arrivando agli attuali 7.340, ma nel frattempo anche Coach 6100 ha incrementato salendo a 9.260.

Il Parma Calcio, attraverso il neonato profilo twitter della Femminile, ieri si è fatto sentire, dichiarandosi “profondamente dispiaciuto per il disagio subito dai nostri tifosi”, aggiungendo, a mo’ di P.S.: “la produzione delle partite live del Campionato di Serie B Femminile non è responsabilità dei singoli club”, ed è sacrosanto, dal momento che, prima dell’avvio della presenta stagione, il comparto digital del club si era adoprato per garantire la diretta delle partite della prima squadra femminile sui propri canali attraverso il service “Avelia HD”, già da una stagione fornitore, in questo senso per la Società anche dei servizi correlati alla prima squadra maschile (le conferenze pre e, talora, post gara di Mister Fabio Pecchia, ad esempio).

Proprio in virtù di questo accordo pregresso, Avelia HD si era messa a disposizione di Bepi.Tv per aiutarla a coprire non solo le partite del Parma Femminile, ma, ogni turno, anche circa la metà delle sfide in cartellone in Serie B, con un ingente sforzo produttivo. Dalla fine dell’anno solare, tuttavia, qualcosa pare essersi incrinato nel rapporto tra le due company, tanto che ieri, ad esempio, al Noce non c’era il tradizionale service di Avelia HD (già assente anche in alcune delle precedenti sfide) a supporto di Bepi.TV, arrangiatasi in altro modo. Tenendo particolarmente al calcio femminile, mi farebbe piacere se, a livello centrale, pensassero per tempo veramente a come cercare di promuovere mediaticamente nel modo migliore il proprio prodotto, anche perché nel tempo mi pare si sia persa qualche occasione di troppo.

Il Parma Calcio, che evidentemente si rende conto dell’importanza che hanno le dirette streaming (benché nella presente stagione, dopo le precedenti, non garantisca più quella della Primavera Maschile, che pure ogni volta era seguita da migliaia di utenti) sia come servizio, che per promuovere l’attaccamento al club di tesserate/i, loro famigliari e/o parenti, sportivi, tifosi, e consentire la visione a distanza del proprietario americano quando non è in Italia, ha pure aggiunto (P.P.S.): “faremo comunque tutto ciò che è in nostro possesso per evitare il ripetersi di una situazione analoga nelle prossime gare”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

5 pensieri riguardo “FEMMINILE, QUER PASTICCIACCIO BRUTTO DE LE DIRETTE SALTATE (VIDEO)

  • Franchino

    Direttore bentornato a scrivere qua, i suo articoli sono sempre molto interessanti e chiari, anche se era meglio per lei e per chi seguiva e segue il settore giovanile sia femminile che maschile e prima squadra femminile che la lasciavano dov’era, adesso per sapere notizie post partita ci vuole chi l ha visto e per scrivere es il Parma vince 10 a 0 contro Carpanetese e i nomi dei giocatori di entrambe scese in campo pu9 farlo anche uno di Media non c’è bisogno di certi giornalai! Per quello che ha scritto sopra se in Federazione dormisse meno avrebbero potuto dar più risalto al calcio Femminile!!

  • Un ottima e attenta analisi di quanto accaduto. Un caro saluto!

  • Non è nel nostro DNA farci sentire. Subiamo tutto dicendo “grazie”.

  • coach6100

    Grazie Direttore per avermi chiamato in causa nell’articolo Sono anni che collaboro con lei e mi dispiace soprattutto per lei ma anche per me che siamo arrivati al capolinea e ci han fatto scendere dalla corriera itinerante del Parma calcio Non sono l’ultimo arrivato nel calcio e quindi mi sorprende un po’ che una proprietà giovane nel calcio ( in America il calcio e’ uno sport di dilettanti )si è presa l’eredità di una società gloriosa, storica, prestigiosa come il Parma calcio Lei e’ nato lo stesso giorno mese anno di mia moglie ha sposato il Parma calcio In un certo senso l’ho sposato anch’io avendo avuto Vincenzo Pincolini come professore a scuola e preparatore atletico a fidenza L’accoppiata Sacchi – Pincolini e’ stata vincente non solo a Parma ma nel mondo Tutto e’ però partito da Parma con il Parma Storia ormai nota a tutti Mi sono sempre occupato di calcio prima da calciatore poi da allenatore osservatore dirigente . E’ certo che noi guardiamo al Parma con occhi da innamorati ma questo non vuol dire che abbiamo il prosciutto sempre di Parma davanti agli occhi Siamo stati abituati bene fin da piccoli e diventando grandi abbiamo messo a disposizione il nostro know how fatto di professionalità e di esperienze di vita . Quando si è giovani si sbaglia e questo si può capire . Diventando grandi si fa tesoro degli errori Ma se sei grande e sbagli ancora non è più un errore e’ incapacità a saper fare le cose incolpando o punendo chi le cose le sa fare e le ha fatte bene Abbiamo pagato noi che abbiamo fatto le cose bene e non ha pagato chi le ha fatte male. Il tempo farà giustizia perché la gioventù nel Parma calcio è ormai finita.

  • Io ho fatto il telecronista di alcune partite di Serie B per l’emittente di cui state parlando. Concordo in pieno con la vostra analisi: le riprese sono amatoriali e non c’è nessun tipo di supporto a sostegno di chi commenta (nessun monitor per vedere eventuali replay, che non ci sono, dovendo così arrangiarci con i nostri computer). In più io ed altri colleghi stiamo ancora aspettando i pagamenti delle partite di ottobre. Ergo: sinora abbiamo lavorato “aggratis”. Continui solleciti e scuse assurde. Questa è la situazione, che è giusto si sappia. Disorganizzazione è la parola d’ordine.

I commenti sono chiusi.