martedì, Aprile 23, 2024
News

CONFERENZA DEI SERVIZI: IL PARMA CALCIO HA INVIATO LA PEC CON GLI ULTIMI DOCUMENTI PER IL NUOVO TARDINI

(da SportParma.com) – Attorno alle ore 19.30 è arrivata la risposta che la Conferenza dei servizi si attendeva dal Parma Calcio sul nuovo stadio Tardini.

Il società del presidente Krause ha infatti presentato le oltre 150 tavole integrative depositandole tramite pec: la maggior parte di esse richieste dalla Conferenza dei servizi stessa, le altre aggiunte volontariamente dal club volontarie. Le integrazioni fatte dal Parma – che non più tardi di un mese fa aveva richiesto una proroga per la consegna della documentazione necessaria (clicca qui) – hanno tutte valenza a carattere tecnico-amministrativo e saranno ora esaminate dalla Conferenza dei servizi che avrà 30 giorni, a partire da domani 20 febbraio, per eventuali altre integrazioni prima di emettere un parere decisorio ma non vincolante. La palla passerà poi di nuovo al Comune di Parma per l’approvazione definitiva. I tempi non sono comunque brevi.

Intanto il Parma e i suoi tifosi si godono il magic moment della squadra di Pecchia, che tra le “vecchie” mura amiche è imbattuta da un anno solare: da 19 partite non arriva più una sconfitta in casa e questo ha aiutato a generare un entusiasmo che si è riversato sugli spalti. Contro il Pisa erano in 13.899 sulle tribune dell’Ennio: il terzo risultato stagionale per presenze complessive registrato in questa stagione, dopo i match con Sampdoria e Reggiana. Dopo 13 partite casalinghe di campionato, sono quasi 166.244 le presenze dei tifosi allo stadio. E il numero dei frequentatori del “Tardini”, da qui fino al termine della stagione, è destinato a crescere nelle 6 gare contro Cosenza, Brescia, Catanzaro, Spezia, Lecco e Cremonese. (da SportParma.com)

3 pensieri riguardo “CONFERENZA DEI SERVIZI: IL PARMA CALCIO HA INVIATO LA PEC CON GLI ULTIMI DOCUMENTI PER IL NUOVO TARDINI

  • Adesso i burocrati serissimi e politicanti della Conferenza richiederanno altre “integrazioni” sulle conseguenze che il cantiere provoca alle cacate dei cani e sui ligeidi (le cimici, al simsi) degli olmi.

  • Bene, adelante con juicio.

  • Il ben rasato e pettinato Lavagetto ha controllato bene al picì che la pec sia regolare? Non c’è qualche “cavillo” di irregolarità? Dai che sicuramente nelle 800 pagine del faldone non sarà normato l’impatto dei rumori del cantiere sulle cimici (simsi) o ligeidi degli olmi, specie molto cara ai comitati ed al vice sindaco e sicuramente la Conferenza avrà bisogno di altre integrazioni. Per fortuna dei nostalgici, gli inverni ormai simili alla bassa Italia e le scarse piogge rendono la copertura della curva ormai quasi inutile e l’utilizzo delle epiche cerate gialle o verde militare limitato a una massimo due volte all’anno o manco quello. Il vetusto Ennio potrebbe andare avanti per un altro 3/4 di secolo senza problemi altro che “ecomostro” in centro!

I commenti sono chiusi.