lunedì, Marzo 4, 2024
Videogallery Amatoriale

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / CICLONE PITTARELLO SUPERATO CON MERITO

(Luca Tegoni) – Questa partita dimostra come non ci si possa crogiolare sulla percentuale realizzativa, fino ad oggi altissima, e si debba cercare di andare al tiro con grande frequenza per avere sempre più opportunità realizzative.

Il Parma, fino al primo minuto di recupero del primo tempo, sembra aver concluso la pratica che, invece, resta aperta grazie al volenteroso atteggiamento del Cittadella che porta in area Crociata quasi tutta la squadra e riesce a dimezzare lo svantaggio. Già in altre due occasioni la difesa del Parma aveva sofferto il gioco aereo dei locali e la terza è stata concretizzata.

Belle e corali le manovre che hanno tradotto in rete le azioni del Parma. Incursione in area di Bonny che mette per Benek a centro area che a sua volta appoggia per Bernabè al limite dell’area che indovina di prima intenzione l’angolo alla destra del portiere. Benek duplica gli assist andando a pescare l’incursione di Hernani dall’altro lato dell’area che, anch’egli al volo, raddoppia.

Nel mezzo dei due gol Bonny da due metri non riusciva ad inquadrare la porta.

Parma che lascia giocare il Cittadella senza grandi idee e talenti e poi colpisce in velocità e qualità. La partita però, come visto, non si chiude e, per il secondo tempo, si preannuncia battaglia.

La battaglia la fa, però, il Parma che sfiora ripetutamente la rete anche con errori grossolani sotto porta. A questo punto si teme che “il ciclone Pittarello” si possa abbattere sui Crociati. L’attaccante veneto, a me finora sconosciuto, si carica il Cittadella sulle spalle e cerca la rimonta, lui si facendo alzare la squadra, aprendo gli spazi, appoggiando e cercando il tiro. Il talento, però, latita, soprattutto tra i suoi compagni, e la buona volontà non risulta sufficiente.

Il Cittadella riesce ad andare al tiro alcune volte anche da dentro l’area, ma senza impensierire più di tanto Chichizola che si va a prendere tutti i palloni alti che piovono in area.

Ci pensa Di Chiara, intorno al settantesimo, ad impensierire i compagni servendo un pallone ad un attaccante avversario in posizione che potrebbe diventare letale. Il pericolo viene sventato con prontezza da Circati.

Il secondo tempo finisce come era finito il primo tempo riservando però molte più emozioni. Il Parma vince anche a Cittadella con merito e continua la progressione verso la serie A.

Cittadella uno Parma due con reti di Bernabè e Hernani. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / CICLONE PITTARELLO SUPERATO CON MERITO

  • Della attuale difesa, in caso di promozione in A, salverei solo Delprato e Circati. Il primo però al massimo come riserva, il secondo potrebbe essere invece benissimo titolare. è fortissimo!

  • Purtroppo a Circati e al suo “entourage” della maglia del Parma non frega una emerita mazza, questo nonostante siano in teoria gente del Territorio. Stanno solo aspettando giugno e un’offerta per levare le tende il prima possibile. La stessa scelta assurda di giocare per l’Australia è stata dettata dall’avere una vetrina internazionale volta al mondo anglosassone o asiatico. Mai abbiamo visto gesti, comportamenti o parole di attaccamento o gratitudine, abbiamo a che fare un serio professionista per cui essere al Parma o al Sudtirol cambia zero. Personalmente sono anche felice che uno così se ne vada. Ma la vera notizia è che Nuccilli, alias Alessandro Monzi, alias Maurizio de Simone sta “acquistando” la Pistoiese. Solo il cinese dei magnifici 7 ha più alias di lui.

  • Aggiungo che il suo “entourage” sta dicendo al mondo dall’estate scorsa, compreso il masler e l’ortlan, che hanno rinnovato il contratto, ma che cmq non sarebbero rimasti oltre quest’anno. Penso non ci da aggiungere altro. Quindi Circati per il 2024/2025 non va nemmeno ipotizzato, qualsiasi sia la categoria in cui giocheremo.

  • Circati giocherà nel Canberra United è sicuro

I commenti sono chiusi.