martedì, Maggio 21, 2024
L'ìnsostenibile leggerezza del palloneNewsVideogallery Amatoriale

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / (HIGHLIGHTS)

(Luca Tegoni – Foto di Corrado Benedetti) – Nonostante il pareggio casalingo contro il Cosenza, continuiamo a mantenere tre partite di distanza sulla terza in classifica anche se i punti sono diventati sette.
Quello che preoccupa è che la percentuale realizzativa, in rapporto alle occasioni procurate: si sta abbassando.

Man è il giocatore che più di ogni altro va alla conclusione, ma non con la precisione e costanza di circa un mese fa. Non migliora invece il sistema difensivo su calci da fermo tirati dagli avversari e anche ieri un difensore del Cosenza è andato al gol indisturbato su calcio d’angolo.

La partita è cominciata al meglio, come contro il Como. Un gran tiro al volo da venti metri circa di Cyprien trova l’angolo alla sinistra del portiere avversario e porta il Parma in vantaggio.

Purtroppo non ci sono state altre occasioni rilevanti, mentre il Cosenza ha portato un numero maggiore di pericoli riuscendo, come detto, a pareggiare verso la fine del primo tempo.

Quello che altre volte poteva assomigliare ad un “casino organizzato” che portava i benefici della vittoria, questa volta non ha dato i frutti sperati e l’attacco del Parma si è dimostrato inconcludente ed impreciso.

Nel secondo tempo il Parma ha avuto solo due nitide occasioni: una con Cyprien il cui tiro è stato parato con difficoltà dal portiere e poi da Man che ha sprecato un bel contropiede colpendo la traversa da posizione molto favorevole.

L’allenatore che non ama il centravanti non è riuscito a dare un impostazione dominante alla squadra e il Cosenza ne ha approfittato creando spesso situazioni di pericolo colpendo anche due pali. Poi la doppia ammonizione di Balogh non ha di certo aiutato la costruzione di una difficile vittoria.

Il miracolo è invece accaduto ancora una volta proprio nell’ultimo giro di lancette allorquando Tutino si è ingarbugliato davanti alla porta del Parma non riuscendo a colpire la palla.

Alle porte si prospetta una difficile trasferta a Terni. C’è da sperare che Bernabè recuperi in tempo per essere in campo.

Parma pareggia uno a uno contro il Cosenza al Tardini. Gol del Parma segnato da Cyprien. Luca Tegoni – Foto di Corrado Benedetti

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / (HIGHLIGHTS)

  • Si, se Bernabè non recupera per sabato siamo abbastanza in quella cosa marrone. Si è visto ieri come il nostro gioco senza di lui sia stato abbastanza mediocre.

    P.s: capisco comunque perchè Pecchia non schieri mai il centravanti boa: nessun dei nostri terzini sa crossare bene!

  • Triple-sec

    Il mister che scambiò il pallone per un cappello.

    Il predicatore di Formia domanda leggerezza e agisce con leggerezza. Dopo 2 anni non si è ancora convinto che Circati e DelPrato è meglio farli giocare con continuità, che Benek dovrebbe essere catechizzato perché non è la prima volta che crede di assolvere i compiti difensivi (per lui evidentemente secondari) col minimo sforzo (cioè basterebbe dirgli che non basta fare un saltello per contrastare un avversario determinato), che 2 lenti a centrocampo non fanno uno veloce e comunque uno non basterebbe, che il sistema 4-2-fantasia non funziona senza Bernabè, Man (in forma) e un feroce pressing, che amministrare punizioni nel calcio (mi riferisco ai tre ai domiciliari) non è mai una buona idea. Siamo stati colpiti, siamo stati contati… il nostro vantaggio però mi sembra ancora enorme … ma bisogna rialzarsi subito, far finta di niente e arrivare alla sosta senza cadere. Ps Ansaldi dove cavolo sei?

    • Ale Pongonazzo

      Ciao Trip, sintesi calibrata e giustissima anche se io sono meno ottimista sul vantaggio accumulato.
      Ansaldi, occupando un posto per un giocatore, si disse “rinnovo del contratto per fare da chioccia” sì vede che gli altri sono polli e pulcini.

      • Ciao Alessandro se solo l’avicoltore di Formia fosse meno avido di frittate… D’altra parte però le statistiche rivelano che il “suo” Parma non ha mai pareggiato in 2 anni 3 partite di fila ma anche che l’unica volta che è successo di conquistare per 2 volte solo un punto, abbiamo poi festeggiato una vittoria….proprio con la Ternana

I commenti sono chiusi.