domenica, Maggio 26, 2024
L'OpinioneNewsVideogallery Amatoriale

AL DSEVOD E’ ORA LA MASCHERA “UFFICIALE” DI PARMA: FESTEGGIAMOLO AL TARDINI…

(Gmajo) – Lunedì 4 marzo 2024 rappresenta una data importante e storica per Parma che ha ora nello “Dsèvod” la propria maschera ufficiale. Si dirà: già ci rappresentava, per iniziativa della Famija Pramzàna, fin dagli anni ’50 – con vari pramzàn che vi si celavano sotto: Alberto Montacchini (1954), Ilario Toniolo (1954/1963), Ubaldo Grassi(1963/1983), Romano Arpiani (1984/1988), Francesco Maria Sciacco (1989-1997), Alberto Bardiani (1997/2007) e l’attuale Maurizio Trapelli (2007-) – ma ora, grazie all’approvazione del Consiglio Comunale – all’unanimità con 31 voti favorevoli, zero contrari e zero astenuti, come proclamato dal Presidente Michele Alinovi – è a tutti gli effetti, e con tutti i crismi, e con immediata esecutività la maschera della nostra città.

“Io spero che in questo breve percorso mi sia passata quell’emozione che mi ha colto nel momento del giudizio, con il vostro voto così favorevole, e cosa importantissima, all’unanimità. Io ringrazio a nome della Famija Pramzàna, del suo presidente, del consiglio direttivo ed anche dei soci, il Sindaco Michele Guerra per aver portato all’ostensione di questa idea, il Presidente del Consiglio Michele Alinovi, il consigliere Gabriella Corsaro, perché hanno fatto propria questa nostra richiesta, l’hanno portata a voi, l’hanno documentata molto molto bene, e siamo arrivati a questa delibera che è la ciliegina sulla torta che mancava e così, finalmente, questa maschera ritrova quell’ufficialità che tante altre maschere hanno da sempre, per cui ancora vi ringrazio. La maschera di Parma ha poco da condividere col Carnevale, ma, anzi, rappresenta la cultura. le tradizioni, il territorio, in poche parole, la parmigianità“.

Proprio per quello che rappresenta – ossia la parmigianitàStadioTardini.it auspica che il prof. Maurizio Trapelli, che impersona la maschera, ora ufficiale, di Parma, Al Dsèvod, che indossa i colori gialloblù della città, possa essere invitato allo stadio Tardini venerdì sera, 8 marzo 2024, per un saluto ai tifosi Crociati in campo prima della partita Parma-Brescia, accompagnato dai vertici apicali della Società. Sarebbe un concreto segnale di vicinanza al territorio, in un periodo in cui, grazie ai risultati sportivi, si sta riscostruendo un legame precedentemente, per vari motivi, un po’ sfilacciato… Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

3 pensieri riguardo “AL DSEVOD E’ ORA LA MASCHERA “UFFICIALE” DI PARMA: FESTEGGIAMOLO AL TARDINI…

  • A me al Dsevod esattamente come i pagliacci e le maschere da medico della peste inquieta e mi genera un certo disagio. Certo che andare in giro così in luglio con 43 gradi in via Farini è una bella impresa

  • Quanto è lo stipendio da Dsevod?

I commenti sono chiusi.