domenica, Maggio 26, 2024
News

LA SCOMPARSA DI CORRADO CAVAZZINI NEL RICORDO DI SQUERI E GRISANTI DI PPC

(Gmajo) – Purtroppo gli ultimi mesi di Corrado Cavazzini lo avevano visto minato nel corpo, ma non nello spirito anche se fino in ultimo ha cercato di portare avanti il proprio lavoro (EdilC) e l’amore per sue grandi passioni, il ciclismo (a lungo praticato) e il Parma Calcio, di cui è stato il primo storico presidente della espressione dell’azionariato diffuso, ossia Parma Partecipazioni Calcistiche: abbiamo chiesto di ricordarlo a chi, nel tempo, si è succedo, al suo fianco, nella carica di amministratore delegato, ossia Sandro Squeri ed Alberto Grisanti. Prima di leggere le loro parole, è doveroso ricordare il grande impegno profuso da Cavazzini anche nei Veterani per lo Sport ed il premio Sport Civiltà: è in questo contesto che era nata una profonda amicizia con l’ex radiocronista di Tutto il Calcio Minuto per Minuto Tonino Raffa, ieri affranto quando gli abbiamo riferito la ferale notizia: “Che dolore Gabriele! Sapevo che nei mesi scorsi aveva avuto problemi di salute. Ci ha lasciati un grande gentiluomo”. Il Parma Calcio ci dicono lo abbia ricordato con un classico tweet su X ed un necrologio sul giornale locale, anche se forse ci si sarebbe aspettato qualcosa in più (un ricordo sul sito, poi in effetti arrivato, due parole nel post partita con la Ternana) per quello che Cavazzini aveva rappresentato nella ripartenza dal basso della Serie D.

IL RICORDO DI SANDRO SQUERI

 

Sandro so, che continuavi a sentirti spesso con il tuo grande amico Corrado…

“Sono stato a trovarlo l’ultima volta con mia moglie a casa sua fra le feste di Natale: abbiamo passato alcune ore insieme, tante erano le cose che ci dovevamo raccontare a quattr’occhi. Lo trovai debilitato sì, ma con un grande voglia di combattere la malattia e desideroso di tornare in sella alla sua bici ed al Tardini “Sono in attesa di fare nuove cure innovative che mi dovrebbero rimettere in sesto”, mi disse. Ci sentivamo al telefono molto spesso, perché seguiva le vicende della mia società sportiva Futura Fornovo Medesano e quando vedeva qualche iniziativa legata soprattutto al settore giovanile: era generoso in complimenti suggerimenti e sollecitazioni”.

Quali altri ricordi hai di lui?

“Ieri sulla mia pagina FB, ho scritto che è stato per me un grande privilegio fare un importante pezzo di strada della mia vita con lui. A Corrado mi lega un’amicizia ed una stima profonda, che viene non solo dalla nostra esperienza in PPC, ma prima ancora un legame nella vita professionale in qualità di suo fornitore con la mia azienda vetraria sui suoi numerosi e prestigiosi cantieri. Ci lega, poi, un’esperienza comune nei Veterani dello Sport, con il sostegno che gli ho sempre dato nel premio Sport Civiltà durante la sua presidenza, in particolare, così come nell’organizzazione delle numerose corse ciclistiche in provincia, vedi il suo gioiello il Trofeo Edil C”.

Avevate diversi amici in comune in quel di Medesano…

“Uno su tutti, Luciano Armani: con lui, oltre ai loro comuni amici Tarcisio Persegona, Dante Zaccarini, Vittorio Adorni, Franceso Moser, a fine estate hanno organizzato per tanti anni il cosiddetto, circuito delle sette chiese con arrivo finale sotto al santuario di Santa Lucia. Lì, con gli amici della Pro loco della nostra frazione, si terminava la giornata all’insegna dell’allegria con memorabili momenti conviviali e di alta cucina locale…”

PPC è stato l’apice?

“Sì, è vero: è stata una galoppata straordinaria ed emozionante: 4 anni di goduria totale, sportivamente parlando. Nessuno avrebbe mai immaginato un’ epopea del genere! Una roba destinata a rimanere dentro al cuore ed all’anima per tutta la vita. Intendiamoci, anche con momenti complicati e di grande tensione: ricordo, per esempio, quando andammo proprio lui ed io a relazionare alla CONSOB a Milano quello che era il progetto PPC. e questi rimasero meravigliati per quello che stavamo facendo per sostenere con l’azionariato popolare il nostro amato Parma Calcio. Ricordiamoci sempre che tutto partì da un’idea di due signori malati di Parma calcio come Giorgio Orlandini ed Ermes Foglia, che chiamarono per primi Corrado e me per far nascere questo progetto, insieme a tanti altri amici imprenditori e tifosi di cui ben sapete! PPC oggi c’è ancora e gode di ottima salute con i suoi quasi mille soci, e questa è l’eredita che Corrado Cavazzini ha lasciato ai tanti appassionati tifosi gialloblu!”

IL RICORDO DI ALBERTO GRISANTI

“Con Corrado, abbiamo avuto il piacere, l’onere e soprattutto l’onore di rappresentare PPC lui come Grande Presidente sin dalla sua fondazione di PPC e io come Amministratore Delegato dopo circa un anno dalla nascita in successione a Sandro Squeri.

Un periodo fantastico e unico per i traguardi raggiunti, non senza difficoltà e a volte sofferenze, ma questo ha reso il tutto ancora più bello.

Abbiamo condiviso un percorso unico nello scenario calcistico a livello europeo se non addirittura mondiale, la promozione in serie A partendo dai dilettanti e finalizzando questa straordinaria avventura con la vittoria a La Spezia il 18 maggio 2018.

In questo periodo ho avuto modo di conoscere a fondo Corrado e instaurare un bel rapporto di amicizia che ci ha legato anche in privato e nel mondo ciclistico hobby condiviso da entrambi.

Lo ricorderò sempre con grande stima e affetto per questo breve ma intenso periodo che ho avuto la fortuna di condividere.

Grazie Corrado”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

2 pensieri riguardo “LA SCOMPARSA DI CORRADO CAVAZZINI NEL RICORDO DI SQUERI E GRISANTI DI PPC

  • R.I.P. 🙁

I commenti sono chiusi.