domenica, Maggio 26, 2024
L'ìnsostenibile leggerezza del palloneNewsVideogallery Amatoriale

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / IL PARMA TORELLA E INCORNA… (HIGHLIGHTS)

(Luca Tegoni) Se il campo fosse una scacchiera, i pezzi non avrebbero ruoli: via regine, torri o cavalli, senza re né pedoni, tutti all’assalto, tutti, o quasi, a difendere (troppe volte maluccio). Il Parma gioca all’attacco e sfodera un Bonny insolito che trascina la squadra ben presto sul due a zero.

Prima insegue un lungo lancio di Chichizola, impaurisce con la propria ombra l’indeciso difensore, raggiunge l’oggetto del desiderio, il pallone, che viene scagliato in rete trafiggendo il portiere; una decina di minuti dopo raccoglie una palla vagante in area, se la prepara per tirarla in porta, ma viene sgambettato.

A causa di un vistoso difetto di vista dell’arbitro, che non concede la sacrosanta punizione, il VAR suggerisce all’arbitro in campo di andare a rivedere l’azione da vicino, “on field”. L’arbitro si ravvede e decreta il rigore che Benedyczak realizza.

La prestazione di Bonny da attaccante “devastante” e non “patoflone”, come più volte mi è apparso nel corso del campionato, è consolidata da altri tiri e azioni pericolose fino alla mezzora circa, poi, il nostro, che sembra abbia visto la Luce, si ricompone e torna nella sua comfort zone, senza demeritare, ma senza neppure dare quel contributo in più che sarebbe servito per chiudere la partita.

Il Parma sembra voglia “torellare” l’avversario, ma spesso perde palla innescando giocate pericolose. Soprattutto la loro ala destra si destreggia sorprendendo il nostro capitano che non riesce a contrastare né la palla che poi andrà a determinare il rigore concesso alla Ternana (senza ausilio del VAR) e poi malamente sbagliato, né il traversone che, sbucciato a terra da Chichizola, dà la possibilità agli umbri di dimezzare lo svantaggio in prossimità della fine del tempo.

La partita riprende con una maggiore foga da parte della Ternana che tenta di recuperare pienamente il risultato senza, però, riuscire nell’intento. Al quarto d’ora del secondo tempo un’azione d’attacco concertata da Man consente a Delprato di mettere la palla in mezzo all’area piccola dove un difensore, disturbato dalla scivolata, utile, ma non determinante di Benek, la tocca per consegnare nuovamente un doppio vantaggio al Parma.

Sul tre a uno la partita non cambia fisionomia e nemmeno il risultato. La Ternana mette svariati palloni in mezzo all’area che viene però ben protetta da Chichizola e dai difensori in genere.

Vittoria meritata anche se la partita rimane costantemente aperta ad ogni risultato. Caratteristica questa delle ultime partite del Parma che non chiude, ma non perde e spesso recupera.

Parma vince a Terni tre a uno con reti di Bonny, Bendyczak su rigore nel primo tempo e autorete ternano nella ripresa. In attesa di buone notizie per la conclusione della giornata 28. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / IL PARMA TORELLA E INCORNA… (HIGHLIGHTS)

  • La pessima notizia è che col Brescia ci sarà temo la coppia Osorio Balord. Questo vuol dire che per vincere bisognerà fare almeno 4 gol. Con la coppia da brividi 3 non bastano.

    • 😭😭

  • Setti è un totale genio del calcio. Se fossi in Craus sarei una sbarata nel culo ai vari Pederzoli e Notari e assumerei Setti come braccio destro. Insieme a Sartori (che non ha assunto) il vero genio del calcio italiano.

  • Devo fare i complimenti a Davide: è un bravo troll, si palesa sempre anche quando si vince.

  • Ricordi e somiglianze

    Pecchia ci conosce bene…(avendo giocato con Boghossian, Pari, Bordin oltre a Gambaro, Cannavaro, Benny Carbone, Bia etc) e ripensando ai tempi andati, al Parma…e a quando a centrocampo si stava almeno in tre, ha schierato (forse controvoglia) una formazione più quadrata (vista anche l’indisponibilità di Bernabè, il leggero calo di forma di Man e la propensione dell’allenatore al nuovo che avanza..). Ne è risultata una partita ben giocata soprattutto nella prima frazione (e per me avremmo potuto anche arrivare in fondo con gli stessi uomini) ma soprattutto ho visto un grande Cipriano che sembrava Beckenbauer e un fortissimo Bonny per la prima volta utilizzato come 9.0 che mi ha ricordato un po’ l’Immobile nazionale perché come lui ha una corsa resistente e potente che gli permette di dare il meglio quando deve attaccare l’area di rigore (magari scegliendo come e dove) rispetto a quando la deve occupare con triangolazioni. Speriamo di rivedere ancora un po’ di quello che è successo ieri e che il mago si dimentichi di alternare la coppia di centrali altrimenti prima di imparare a fare un buon fuorigioco occorrerà anche la prossima stagione

  • La Cremerdese è maledetta. È come avere un gatto attaccato ai coglioni.

    • Bisogna batterla qua e togliercela dai coglioni

      • Auguriamoci che quella partita non serva se non per la statistica (e se fosse io la perderei per levarci dalle balle la cagata dell’imbattibilità che porta una sfiga assurda).

  • Tra l’altro la cosa fenomenale è vedere squadre come il Modena di quel coglione del pelato giocare con il coltello tra i denti contro di noi e poi fare partite morbide in stile allenamento come quella di oggi contro la Cremerdese. Robe da ufficio indagini della procura federale. O lo stesso Venezia che dopo il pareggio smette di giocare. O il Cosenza che martedì sembravano indemoniati con quel semo di Tutino tarantolato e oggi sciolti come neve al sole contro una squadretta promossa dalla C. Ho molti dubbi sulla regolarità del campionato. Quanto meno sul livello di impegno di determinate squadre che ormai è palese giocano anche per conto terzi. Come oggi chiaramente il Modena merda.

    • Modena vera squadra del ca…o

  • Dovremmo fare un monumento alla
    Reggiana che a differenza del Modena le sue partite con le varie Cremerdese, Como e Venezia le ha giocate seriamente. Con impegno e regolarmente. Il Modena merda del pelato ex strisciato bianco nero tutt’altro ha NON giocato su commissione. Ieri sera è stata una roba vergognosa. Palumbo si è sbagliato e ha preso il palo e subito dopo casualmente Bianchetti fa tutto da solo al 95….dopo che per 93 minuti i giallo piscia hanno NON giocato a ritmo di allenamento. Altro che la partita contro di noi che sembravano indemoniati. Per non parlare del Cosenza visto ieri rispetto a quello di martedì. Altro che ufficio indagini della Procura federale.

I commenti sono chiusi.