venerdì, Maggio 24, 2024
BagolozoomNews

BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / PERIODO DELICATO

Il Parma dopo la sconfitta contro il Catanzaro non riesce a segnare nemmeno a Bolzano, pareggio senza lode né infamia

(Claudio Mastellari) – Sicuramente il Sudtirol è squadra ostica da scardinare tra le mura amiche, lo si sapeva anche prima della gara, ma ai crociati manca da un po’ il guizzo finale che porta alla via del gol, questo è innegabile.

Gli attaccanti appaiono fumosi una volta vicini all’area di rigore e i centrocampisti che raramente tirano da fuori area puntano in alto. Troppo in alto…

La classifica sorride ancora, ma sembra che si stia perdendo un po’ la lucidità, sia nelle giocate di chi è in campo, sia nelle scelte del mister che nel secondo tempo in pochi minuti è passato da un 4-2-3-1, ad un 4-2-4, per poi virare fugacemente ad un 4-3-3.

Resto molto perplesso sull’utilizzo minimale di Colak, storicamente attaccante che ha sempre segnato parecchio in ogni tipo di campionato, mentre col Parma sembra veramente poco a suo agio. Anche oggi, nei pochi minuti che ha avuto a disposizione, non ha avuto modo di mettere in mostra le sue caratteristiche.

Buona finalmente il reparto difensivo, oggi inedito sugli esterni, che non ha concesso sbavature, anche se dai terzini si attende sempre un po’ di supporto in più in avanti, ad esempio con i cross, questi sconosciuti.

La teoria dice che siamo primi e stiamo dosando le energie, la pratica invece dice che sono terribilmente in ansia e che aspetto ormai da tempo una partita in cui si torni a vedere il Parma brillante di inizio stagione, sarebbe l’unica medicina per questa stitichezza di prestazioni.

Ne mancano ancora 5. Poche? Tante? Troppe per dormire sonni tranquilli, ma siamo qui per crederci e tifare.  Sempre! Claudio Mastellari


ari

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / PERIODO DELICATO

  • E come volevasi dimostrare il Catanzaro Real schiacciasassi di lunedì oggi era una squadretta timida timida e piccola piccola. Vivarini in settimana è stato zitto zitto, nessuna polemica, hanno volato basso già soddisfatti. Ma che vadano a cacare!Ma qualcuno le guarda le partite?

    • In effetti ho notato il silenzio di Vivarini negli ultimi giorni, dopo che la settimana scorsa aveva trollato continuamente i nostri. Guai a infastidire il Como.

      • Esatto il Como “deve” andare in serie A e possibilmente da primo senza se e senza ma. Lo hanno detto anche a Vivarini e Valente che infatti si sono adeguati. E magari qualche zogador ci ha anche fatto una puntatina….

  • No, ne mancano ancora 6 e oggi la vittoria del Como è un bel campanello di allarme. Ci è venuto il braccino e se non vinciamo contro lo Spezia ci viene il cagotto.

I commenti sono chiusi.