venerdì, Aprile 19, 2024
L'ìnsostenibile leggerezza del palloneNewsVideogallery Amatoriale

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / NELLA META’ CAMPO OSPITE, SENZA SEGNARE (HIGHLIGHTS)

(Luca Tegoni) –  Il Parma rimane praticamente tutta la partita nella metà campo del Catanzaro ma non riesce a segnare.
Il Catanzaro mantiene possesso palla davanti alla propria area, ma non passa quasi mai la metà campo.
Di tutti i palloni recuperati dal Parma ben pochi diventano pericolosi per la difesa degli avversari e così, con un mezzo contropiede e un duplice calcio d’angolo, il Catanzaro si porta a casa i tre punti.

Man poteva portare in vantaggio il Parma poco prima del primo goal del Catanzaro con un veloce contropiede solitario, ma conclude male invece di passare a Bonny, libero in area.

La partita è una lenta danza in cui il Parma non acquista il ritmo necessario per mettere in difficoltà costante la difesa del Catanzaro. Lo schieramento dei calabresi, e il loro atteggiamento, è ben diverso dalla spavalda intemerata dell’andata e, come avrebbe fatto una squadra debole, si chiude in difesa senza far passare che qualche spiffero.

Il Catanzaro raddoppia ad una decina di minuti dall’intervallo con il solito colpo di testa di un difensore da calcio d’angolo.
L’ultima azione concede a Man una buona opportunità che però non viene opportunamente conclusa.

Il secondo tempo inizia con una bella iniziativa di Charpentier, subentrato a Bonny, che si libera del proprio marcatore, entra in area leggermente defilato sulla sinistra e conclude a lato, incrociando il tiro.
La partita ricalca grosso modo il primo tempo anche se il Parma riesce ad esercitare una pressione maggiore sulla difesa ospite. Il Catanzaro gioca quasi esclusivamente in contropiede senza però riuscire ad essere effettivamente pericoloso.

Lo è invece il Parma quando Sohm si libera per il tiro dal limite dell’area e centra la traversa, quando la palla torna in campo Man riesce a colpirla, debolmente, e sulla linea viene respinta da un difensore.
La cosa singolare è che, nonostante la ricerca di cross da fondo campo da entrambi i lati del campo, l’area avversaria rimaneva troppo vuota, quindi con scarsissime opportunità per il Parma anche di approfittare di una ribattuta. Insomma il centravanti era sempre molto solo.

Questa volta, nonostante la costante pressione, anche se troppo cadenzata e densa di errori ed imprecisioni, uno dei peggiori Bernabè della stagione, il Parma non riesce a ribaltare il punteggio e perde la prima partita della stagione in casa.

Una giornata di campionato marcata dalle contemporanee sconfitte casalinghe delle prime tre in classifica. Il Como si porta al secondo posto e il Venezia diventa terza.
Con una gara in meno da giocare, ne rimangono sette, il Parma dovrà affrontare le prossime partite con una maggiore determinazione.
Il Parma perde al Tardini contro il Catanzaro due a zero. Luca Tegoni, foto di Corrado Benedetti

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PALLONE di Luca Tegoni / NELLA META’ CAMPO OSPITE, SENZA SEGNARE (HIGHLIGHTS)

  • Mi piacerebbe che qualche espertone mi spiegasse perchè:
    1) le soste rappresenterebbero un problema se “abbiamo una rosa ampia e da serie A”;
    2) se le soste sono un problema avendo una “rosa da serie A” perchè non viene schierato chi non è andato via con la nazionale vedi Partipilo?
    3) Bernabè è un mese che fa cacare, non è andato via per le nazionali, in teoria è stato qui due settimane ad allenarsi;
    4) Sohm che era dipinto come il Loftus Cic svizzero non gioca praticamente da due mesi;
    5) Osorio è tornato mmercoledì, possibile non abbia recuperato il fuso in 5 giorni?
    6) il caso Ciolac mi ricorda la vicenda Romagnoli
    7) per fare una decina di punti e poi si spera azzerare tutto, perchè non si interviene sulla difesa?Anche provando un modulo diverso, anche a tre per avere maggiore sicurzza. E’ inconcepibile prendere gol da 10 giornate con anche due a partita

    Pecchia non vince 4 partite di fila manco a piangere, roba che fa anche Doria alè alè che attenzione che ai play off li vinceranno essendo la squadra di Gravina

    Rispondi
  • “Locuta Parma

    Se il mondo va alla malora
    non è solo colpa degli uomini
    Così diceva uno svampito
    pipando una granita col chalumeau
    al Café di Parma

    Non so chi fosse A volte il Genio è quasi
    una cosa da nulla, un colpo di tosse” (cit con minimi arrangiamenti)

    Io però quel colpo di tosse non l’ho udito. Pecchia, la squadra, noi tifosi, kk e i manager traguarderemo presto… ma perché il poeta P. (visto che è una persona intelligente) insegna solo a scrivere in endecasillabi quando potrebbe chiedere di esprimersi (almeno qualche volta) in prosa, perché non ha ancora rimediato a quegli errori di distrazione che da due anni ci trasciniamo, perché a Collecchiello non si studia (l’avversario)?

    Rispondi
  • Colak è stato messo fuori rosa che non gioca mai? Se per crossare tante volte non metti una prima punta di peso in area…

    Rispondi
  • qualcuno sa perche’ Begic non gioca mai? e’ fuori rosa?

    Rispondi
      • infatti … ci deve essere qualcosa sotto … se e’ scelta tecnica e’ incomprensibile visto il talento di begic … o ha fatto il matto e l’ hanno messo fuori rosa … chi lo sa … chi ha messo le mani nella marmellata, chi lo sa? …

        Rispondi
          • si mi sembra la piu’ sensata .. .ha fatto il nadaro e ha preso 2 platte …

  • Caro Davide,
    1) le soste rappresenterebbero un problema se “abbiamo una rosa ampia e da serie A”;
    Ma cò ghentra?
    5) Osorio è tornato mmercoledì, possibile non abbia recuperato il fuso in 5 giorni?
    Osorio lasciamolo dov’è per piacere
    7) per fare una decina di punti e poi si spera azzerare tutto, perchè non si interviene sulla difesa?
    Chi te l’ha detto?

    Per il resto sono abbastanza d’accordo, ma su quei punti mi piacerebbe capire il tuo ragionamento, parecchio forzato direi

    Rispondi
  • La difesa, a parte del prato, sono più o meno tutti allo stesso livello di balordaggine, non si è sentita la mancanza di osorio

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *