mercoledì, Giugno 12, 2024
NewsParole CrociateTOP

PAROLE CROCIATE di Luca Ampollini / SIETE COSI’ SICURI CHE LA PRIORITA’ SIA IL CENTRAVANTI? PER ME NO

(Luca Ampollini) – Ma cosa vi fa pensare che che il Parma stia cercando con insistenza un centravanti, come si legge da più parti? Perché la società Crociata dovrebbe puntare su una prima punta avendo in rosa tre attaccanti con queste caratteristiche?
Diciamola meglio: perché si dovrebbe cercare un terminale offensivo quando c’è ANGELO BONNY che rappresenta il prototipo ideale della punta desiderata da PECCHIA?

La chiave di lettura è questa: non è escluso che possa arrivare un centravanti ma, credo io, soprattutto se dovesse sostituire un’eventuale partente tra COLAK o CHARPENTIER. Ma PECCHIA punterà con forza su BONNY che ha dimostrato di avere un potenziale strepitoso e soprattutto i requisiti di gioco quasi esclusivi che tanto piacciono al tecnico Crociato.

Quindi niente POHJANPALO che non è mai stato trattato e non risponde alle caratteristiche richieste da PECCHIA o BELOTTI che ha un ingaggio molto alto, e che non dà probabilmente garanzie effettive dopo le ultime deludenti stagioni, SANCHEZ, che non mi risulta interessi e nemmeno SIMEONE, sempre per problemi legati ai suoi pesanti emolumenti.

TUTINO arriva da una stagione strepitosa a Cosenza e se non verrà riscattato dai calabresi tornerà a Parma, ma difficilmente si fermerà. Lui è giocatore di grande qualità, ma è, a parer mio, il classico attaccante che fa particolarmente bene al sud, sua terra d’origine, in una società dove viene considerato l’idolo indiscusso. A Parma sarebbe uno dei tanti, ruolo a prescindere, quest’anno ha dimostrato che può essere una gran bella prima punta che “lega”, ma forse non sarebbe nell’ ambiente ideale per confermarsi sugli eccellenti livelli di Cosenza.

Più facile che il Parma decida di rafforzare gli esterni d’attacco: LAURIENTE è un nome caldo, sebbene costi parecchio, mentre c’è una suggestione legata a CANCELLIERI, in procinto di tornare alla Lazio, dopo il prestito di Empoli, ma la trattativa non è facile: notoriamente la società Crociata non valuta giocatori in prestito, potrebbe nascere qualcosa solo in caso di apertura (non semplice) di cessione della Lazio.

Ma il Parma, in attesa di capire se si sbloccherà la questione rinnovo legata a MAN e MIHAILA a cui è stata fatta una proposta ritenuta assolutamente congrua, puntellerà più questi ruoli che quello di prima punta: non è un caso che i gol, quest’anno, siano arrivati più dagli esterni, MAN e BENEDYCZAK in doppia cifra, che dal centravanti..

 

Ieri mi risulta che GIOVANNI BIA, procuratore di BANIYA e MOUSSA NDIAYE per l’Italia, abbia incontrato i dirigenti Crociati: facile pensare che il difensore turco sia stato oggetto del colloquio, mentre per ciò che riguarda il laterale sinistro senegalese che milita nell’Anderlecht, ci sarebbero perplessità per qualche problema fisico legato ad una fastidiosa pubalgia che ne ha condizionato il rendimento quest’anno.

Per il ruolo di laterale sinistro il Parma ha seguito con interesse, negli ultimi mesi, SERGI CARDONA, possente laterale difensivo sinistro che abbiamo presentato alcune settimane fa a Calcio e Calcio come giocatore della settimana, in scadenza dal Las Palmas, ma che dovrebbe accasarsi all’Atletico Madrid, da tempo sulle tracce del giocatore. La mia impressione è che a sinistra abbia decisamente le azioni in rialzo VALERI, classe 98, in scadenza col Frosinone. Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

9 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE di Luca Ampollini / SIETE COSI’ SICURI CHE LA PRIORITA’ SIA IL CENTRAVANTI? PER ME NO

  • Ma sì non serve un centravanti tutti vogliono troppi soldi abbiamo Bonny che non è nemmeno titolare nella under 20 del suo paese e magari al massimo va bene Cancelllieri che ha fatto 3 gol in due anni. A noi non serve nessuno siamo fortissimi ci pensa Pedersoli e noi non siamo mica stupidì come gli altri che pagano molto di ingaggio chi fa gol a noi non serve abbiamo anche Charpentier e Colak che in serie A hanno segnato caterve di gol.
    #siamoappostocosi #andiamoacomandareinserieA

    Rispondi
  • Ampollini è come la volpe e l’uva. Prima ci voleva Simeone, adesso che ha capito che si vuole tornare subito in B e non prendere nessuno Simeone non serve abbiamo Bonny. Iniziamo malissimo.

    Rispondi
  • La priorità spero sia cambiare mezza squadra, veniamo da 3 anni di b son sicuro che abbiano ben presente che c è un bel salto

    Rispondi
  • Facrei notare ad Ampollini che Valeri porta più sfiga delle maglie celebrative dell’Errea e di Busì messi insieme. Due retrocessioni in due anni, significano che hai una mentalità perdente, che sei balordo e che cmq porti sfiga. Perchè andare a prendere scarti di retrocesse qualcuno me lo deve spiegare. Se sono 4 anni che rompiamo le balle che la A vale 50 milioni, perchè perderla per risparmiare qualche milioncino sulla costruzione della squadra è una roba che mi fa uscire nei pazzi. Il problema è sempre e solo uno. Il bresciano e il suo tirapiedi.

    Rispondi
  • Auguriamoci che D’Aversa non vada al Venezia o i lagunari saranno una delle squadre salve e il buco per noi che #siamoappostocosi e tutti dentro sarebbe ancora più stretto.

    Rispondi
  • Oddio, abbiamo i centravanti, ma è tutta gente che non ha mai giocato in A. Almeno una vecchia volpe la prenderei solo per fare da chioccia.

    Rispondi
  • Anche secondo me in attacco potrà arrivare un attaccante di riserva a Bonny, penso più un profilo estero che un giocatore già in A ma non l’attaccante da 15 mln di cartellino.

    Sul nome di terzino sinistro anche secondo me arriverà Valeri che ha dimostrato di essere (ne più ne meno) un mestierante di categoria e a parametro zero. Poi magari fanno pure un investimento su un giovane straniero in quel ruolo da far crescere senza troppe pressioni di essere pronto subito (stile Oosterwolde,)

    Rispondi
  • Valeri retrocesso due volte di fila, oltre a portare sfiga mestierante che sarebbe stato perfetto l’anno scorso. Perder Soli lo sa che siamo in A o sta facendo con un anno di ritardo il mercato per l’anno passato?

    Rispondi
  • Ampolè, Valeri al gà adrè la scalògna!

    Tògno da Travarsèddol

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *