lunedì, Luglio 22, 2024
Giovanili Parma CalcioL'OpinioneNews

PRIMAVERA, SPUNTA (TIMIDAMENTE) UNA PISTA ESTERNA. UNDER 18, PERICOLO SCAMPATO?

(Gmajo) – Dopo aver per l’intera settimana scritto sui vari risvolti riguardo il New Tardini, oggi, sabato 22 giugno 2024, vi concedo una piccola pausa sul tema (salvo improbabili novità che si dovessero presentare), passando a fornire qualche aggiornamento sui movimenti di riassetto interno del settore giovanile (e qualcosa anche di femminile) del Parma Calcio.

Intanto, per correttezza e serietà, vorrei correggere una indiscrezione che, dopo averla raccolta, avevo a mia volta veicolato, inerente il responsabile Mattia Notari: egli, infatti, ha sottoscritto, come StadioTardini.it vi aveva da tempo rivelato (ossia da prima ancora che si chiudesse la stagione con la bruciante ed inaspettata eliminazione interna ai playoff per mano dell’Ascoli, 1-2) un contratto biennale con il sodalizio Crociato: in occasione del nostro ultimo approfondimento, però, avevamo accennato ad una clausola per cui ci sarebbe stata l’automatica rescissione del contratto in caso di mancata promozione in Primavera 1 della squadra Under 19 (che da quattro anni la manca sia direttamente, che dopo i play off). Ma, dopo più approfondite verifiche, effettuate poiché del famoso biennale ci era stato segnalato che non si sarebbe trovata alcuna traccia in Lega, abbiamo appreso che il preliminare è stato in effetti regolarmente depositato ed avrà piena efficacia con il 1° luglio 2024, ossia con l’inizio ufficiale della nuova stagione, ma senza clausole rescissorie predeterminate.

Probabilmente quella clausola sarà stata ipotizzata in fase di trattativa, salvo poi non essere riportata sul contratto effettivamente depositato: va da sé, però, che anche senza il carta canta, l’obiettivo stagionale (del resto come già nel biennio scorso, sia pure non conseguito) rimane il passaggio al campionato più prestigioso della categoria Primavera, ossia l’1. abbandonando il 2 che va piuttosto stretto per le ambizioni della proprietà americana del club.

Dopo l’addio a Mister Cesare Beggi, che lascia con tre play off non coronati dal passaggio di categoria, la prima idea per la sua sostituzione riguardava l’ingaggio di un allenatore che avesse già conseguito la promozione in Primavera 1: tuttavia, una ventilata spending review (nelle ultime annate non si era badato a spese per ingaggiare prospetti costosi sul mercato estero, che non hanno rispettato le aspettative), aveva consigliato a dare un’occhiata in casa, per trovare internamente il profilo più idoneo per la missione. Lo stesso Notari, dopo avergli fatto frequentare il corso per il patentino Uefa A, avrebbe scelto Mattia Bernardi, se non che, nel frattempo i vertici apicali, fino a poco prima silenti o poco forieri di precise indicazioni, avrebbero suggerito un profilo estero, o in subordine un allenatore di esperienza (ed un candidato è stato già incontrato da Notari a inizio settimana e altri profili proposti saranno visionati in seguito), facendo un po’ rientrare nelle retrovie Mattia Bernardi (che comunque ha sempre dalla sua il suo contratto vigente e potrebbe continuare ad essere lo specialista della categoria Under 17.

Parlando di vertici apicali, il riferimento è, evidentemente, al Managing Director Sport in carica, il belga Roel Vaeyens, il quale, però, ci viene descritto come commissariato dall’ex Southampton Martin Semmens (supervisore delle squadre sportive del Gruppo Krause, nella foto d’archivio sopra assieme al presidente Kyle Krause e ad Erin (Clayton) Kuhl (Chief Financial Officer e Chief of Staff di Krause Group): ossia, con il presidente direttamente parlerebbe solo Semmens, cui riferisce Vaeyens, al quale riporta Notari (stessa trafila anche per la prima squadra: basta sostituire a quest’ultimo il diesse Mauro Pederzoli.

Avevamo riferito, nelle puntate precedenti, del serio rischio (sempre per via del contenimento del budget) di cancellazione della squadra Under 18 (di raccordo tra Allievi e Primavera). I movimenti delle ultime ore, però, ci portano ad essere un po’ più ottimisti rispetto a prima, dal momento che sarebbero stati confermati almeno 15 calciatori dell’annata 2007, che potrebbero essere l’ossatura di quelle squadra, anche se i pezzi migliori (Plicco, Ozzano, Trabucchi e Drobnic) sono destinati alla squadra Primavera, per cui, nel caso la si facesse, come nelle quattro annate precedenti, sarebbe necessario, poi, rimpinguare il gruppo con nuovi acquisti. Ricordiamo che grazie, ad una deroga, il Parma potrebbe rinunziare a partecipare al torneo, ma sarebbe obbligato a tornare dalla stagione successiva, per cui avrebbe poco senso, proprio in coincidenza con il ritorno nella massima serie della prima squadra, non figurare in questa stagione ai nastri di partenza.

Arturo Lupoli, vice di Mister Matteo Centurioni, potrebbe diventare l’allenatore responsabile dell’Under 18, forte del biennale firmato dodici mesi fa, mentre non dovrebbe restare nei ranghi l’allenatore che aveva sfiorato il passaggio ai play off (perso nell’ultima giornata, causa la sconfitta 1-0 nel derby col Bologna, dopo una memorabile rimonta culminata con cinque vittorie consecutive prima dello stop fatale). Centurioni non avrebbe convinto Notari, poiché (ritenuto) più legato a dinamiche da prima squadra (tipo l’attenzione per il risultato) e meno a quelle di un settore giovanile (ossia la crescita dei ragazzi), concentrandosi soprattutto sui primi undici, con gli altri in rosa utilizzati meno, nonostante le sue direttive al riguardo nelle riunioni del venerdì. Non sarebbe passata inosservata, tra l’altro, la costante del passaggio ad una difesa a 5, una volta passati in vantaggio e, nonostante questo puntualmente puniti dagli avversari in rimonta.

Non dovrebbero esserci sorprese, invece, circa la guida della squadra Under 16, con la conferma di Simone Fusaro, che aveva condotto questa categoria nella passata stagione, portandola sino ai quarti di finale (eliminati dall’Inter). Vero che durante la stagione ci sono stati alcuni eccessi di nervosismo nel gruppo (amplificati dal vittimismo del Napoli, con il presidente Krause arrabbiato per le supposte accuse di razzismo, peraltro non circostanziate ed una rissa sugli spalti, causata dalla esultanza smodata di Andrea Muto), ed anche nella partita interna col Modena (da 3-1 a 3-3 nei minuti finali), oltre che nella sfida di ritorno al Giacinto Facchetti, quando proprio il mister sarebbe rientrato subito negli spogliatoi senza soffermarsi sul rettangolo di gioco a salutare, come da cerimoniale, gli avversari (tra l’altro ex di turno). Ma il risultato conseguito (il migliore dell’agonistica, dando così lustro all’intero Settore Giovanile) e la incondizionata stima dei fratelli Notari, che sono di Como come lui, ci portano a ritenere che sia intoccabile.

Dovrebbe esser finalmente arrivata l’attesa promozione alla guida dell’Under 15 di Mister Andrea Zandonai, che, con gli Under 14 è arrivato sino alla soglia della Final Four nazionale. La sua squadra aveva letteralmente dominato la prima fase, laureandosi, con numeri da record e tre turni d’anticipo, campione regionale per la terza stagione consecutiva. Gli stessi ragazzi, formeranno la colonna vertebrale della prossima Under 15, quindi con la possibilità, per Zandonai, di seguirli per due anni di fila, stavolta in un campionato nazionale Serie A & B. L’operazione è facilitata dall’inedito passaggio – che StadioTardini.it vi aveva preannunciato – di quella formazione sotto la direzione e controllo del responsabile attività di base Gianluca Baschieri, che così gestirà da Under 15 in giù. Ma aumentando gli impegni si finisce per trascurarne altri: ad esempio, per la prima volta, non si sarebbe visto ai Parma Summer Camp per un saluto istituzionale. Intanto, sarebbe stato richiamato dall’area performance, che in precedenza lo aveva tagliato, il preparatore Giuseppe Falzone, destinato alle formazioni Under 15/16, dopo il rifiuto di Alessio Terzaga (viceversa prima confermato). Nessuna novità sul destino degli individual con Paolo Zirafa in scadenza ed Alberto Imbaglione (ancora un anno di contratto).

Passando alle femminili, senza dubbio non vi sarete persi, sulla Gazzetta di Parma, l’elegia di Pietro Razzini che ha celebrato la medaglia di bronzo della formazione U13/12 del Parma Calcio alla Final Four della Danone Nations Cup, la più importante competizione della categoria, che nella stagione precedente aveva visto le Crociatine laurearsi vice-campioni alle spalle dell’Inter (che dodici mesi dopo si sarebbe riconfermata). Su queste colonne, al fine di evitare reprimende, ci siamo astenuti dall’effettuare il reportage in ossequio all’oscurantismo dell’imperatore Aurelio: peccato, perché, del resto come il ritaglio di giornale, sarebbe stato un bel ricordo per le ragazze e le famiglie. Del resto come resta indelebile l’intervista doppia che realizzammo nell’ormai lontano 2021 con i fratelli Bottiglieri (video sopra) quando arrivarono al Parma Calcio: Angelo è riuscito nell’impresa di portare a Coverciano le piccole gialloblù nella presente stagione, suo fratello Roberto, invece, in quella precedente. Peccato che entrambi non resteranno al Parma, lasciando un vuoto nei tanti che ne hanno apprezzato l’approccio, la professionalità e l’empatia.

Salutiamo, invece, positivamente, l’ingresso, preannunziato ieri venerdì 21 giugno 2024, con la consueta nota interna delle risorse umane, di una nuova figura professionale (“corporate communication”) che si occuperà, da lunedì 24 giugno 2024, di digital ed ufficio stampa della divisione femminile del club (con riporto il Digital Marketing Director Lorenzo Galletti): si tratta di Angelo Frusciante, che ebbi modo di conoscere personalmente ed apprezzare, quando lavorava per il Como Women: sicuramente un ottimo arrivo. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

NOTARI JR PUNTA SU BERNARDI PER LA PROMOZIONE IN PRIMAVERA 1 E LA SUA PERMANENZA AL PARMA

PRIMAVERA, UNA SOLUZIONE INTERNA PER SOSTITUIRE BEGGI

AL FESTIVAL DELLA SERIE A KRAUSE SUONA IL SOLITO DISCO

L’ORA DELLE DECISIONI IRREVOCABILI, PARTE TERZA

L’ORA DELLE DECISIONI IRREVOCABILI, PARTE SECONDA

L’ORA DELLE DECISIONI IRREVOCABILI

LE TENTAZIONI DI KRAUSE, DALLA VICE PRESIDENZA BUFFON ALL’UOMO FORTE DONNA

IL BILANCIO DEL PARMA: CON LA SUA GOLDEN RAIN, KRAUSE AZZERA IL DEBITO

SU CHERUBINI HA RAGIONE AMPOLLINI: ERA UNA BUFALA

DI MARZIO: “IL PARMA CORTEGGIA CHERUBINI”, AMPOLLINI: “NON E’ VERO”

LA LOTTA PER LE INVESTITURE E IL CAMPO LARGO, PARTE 2^: LA RETROMARCIA DI DI MARZIO

LA LOTTA PER LE INVESTITURE E IL CAMPO LARGO…, riflessioni di Gabriele Majo

PARMA, LA RIVOLUZIONE CHERUBINI

PECCHIA A TRUPO: “CI HAI BECCATO CON LA PENNA IN MANO…” (VIDEO)

FIGARO PEDERZOLI: TUTTI LO VOGLIONO, TUTTI LO CERCANO…

IDEA LEGATI PER IL POST PEDERZOLI: “IO AL PARMA? MAGARI…”

SE PEDERZOLI FA CINQUINI…

POTERE CROCIATO: AL NOCE LO STAFF ANGLOAMERICANO DI KRAUSE TRA STADIO E MERCATO

GRUPPO KRAUSE, NO TENGO (PIU’) DENARI…

NEW TARDINI, QUANTO DENARI NEL RENDERING…

CONTRORDINE: GRUPPO KRAUSE HA ANCORA (UN PO’ DI) DENARI

NEW TARDINI: DENARI CI METTE IL CAPPELLO, MA TUTTO RESTA IN ALTO MARE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “PRIMAVERA, SPUNTA (TIMIDAMENTE) UNA PISTA ESTERNA. UNDER 18, PERICOLO SCAMPATO?

  • Angelo Frusciante è uscito dal gruppo?

  • Il Genoa ha comprato Vitinha. Ma noi…
    #siamoappostocosi
    #rinnoviamoecaroselliamo

  • Pederzoli e Notari stanno lavorando sotto traccia per regalare a Pecchia un “esterno di gamba”. Arriva Zanimacchia???? E Castagnetti???? O hanno offerte dalla A? E Ferrari?Anche lui vuole stare in A è vero noi siamo in B

  • Certo che abbiamo una struttura societaria più adatta ad una corporation americana che ad una società di calcio.

    • Però dal 1 maggio non hai i soldi per comprare un portiere un centrale e un centravanti (che il
      Como tanto per dire che già preso tutti e tre)
      #siamoappostocosi

  • Una follia lasciar andare due fuoriclasse come i fratelli Bottiglieri…

I commenti sono chiusi.