CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PUNTO. E A CAPO

Luca Savarese(Luca Savarese) – Annibale Frossi, fromboliere dell’unica Italia olimpionica (correva l’anno 1936) prima e giornalista poi, da dietro i suoi occhiali, quando vedeva una partita terminare a reti bianche, soleva dire che quel risultato fosse quello perfetto. Perche’ evidenziava la bravura dei portieri e mostrava come la trincea avesse retto l’urto. E nella mentalita’ bellicosa dell’epoca, non prendere attacchi dal nemico, era assai meglio che sferrare i propri colpi. Anche Parma-Torino e’ finita zero a zero. Ci sono due notizie, una buona ed una cattiva. Partiamo con la prima: il Parma, finalmente, non ha subito gol. Dopo i 10 incassati nelle ultime 3, c’e’ davvero da sorridere a questo cleen sheet, come dicono oggi quelli che attingono al patrimonio linguistico anglofono. Porta intonsa, come diciamo noi. Sepe non ha subito gol. E non era facile, specie visto e considerato che davanti il Toro ha un bomber nato che si chiama Belotti e che ultimamente stava segnando anche di notte in sogno. Era anche difficile rimanere vergini dietro quando il Toro, dopo l’inizio del primo tempo, spingeva come Dio comanda, portandosi dalle parti di Sepe anche con chi comunemente pensa piu’ a non far salire gli altri, come Ansaldi, che sotto la gestione Mazzarri, sta vivendo una seconda giovinezza, a vocazione offensiva. Un plauso va fatto a Sierralta, che ha sfornato la migliore prestazione da quando veste crociato. Il cileno, classe 97 ha la tempra gladiatoria del difensore centrale tutto d’un pezzo, di quelli che prima di farsi superare, ce ne vuole. Ah gia’ ma c’era anche una notizia non buona. Di che si tratta? Di non aver fatto gol, nemmeno uno. Ceravolo e Sprocati, si sono trovati, ma sono forse stati o troppo precipitosi (Ceravolo) o troppo attendisti (Sprocati). C’erano anche due nitide occasioni per urlare al gol. Ma sia con il tiro di Rigoni nel primo tempo, che con quello di Gagliolo, nel secondo, l’urlo, e’ rimasto soffocato in gola. Quello che pero’ va premiato e’ stato lo spirito con cui i ragazzi di D’Aversa ( che eleganza mister con quel golfino) hanno vissuto ogni istante del match: con resilienza e tenendo botta, hanno difeso il punticino, come fanno CURVA NORD PARMA TORINO 06 04 2019i bambini al mare quando trovano una conchiglia: non la danno a nessuno, se la tengono stretta, deve essere loro. Fa niente che non e’ una cozza, alias i tre punti, ma e’ pur sempre un piccolo possedimento. Certo, e’ mancato l’acuto decisivo, ma almeno da strenuo torero, i crociati hanno tenuto fermo il Toro, impedendogli di sferrare le sue incornate vittoriose. Quando non riesci a vincere, prova almeno a non perdere, diceva qualcuno. Annibale Frossi, mqgari per questo Parma questo zero a zero non sara’ il risultato perfetto, ma e’ essenziale. Era infatti quello che ci voleva per respirare un po’ dopo troppe ore di apnea. Piu’ punticione che punticino. Di sicuro, punto e a capo. Luca Savarese

18 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PUNTO. E A CAPO

  • 7 Aprile 2019 in 10:31
    Permalink

    Ieri mi sono piaciute diverse cose

    😇 😇 😇
    1) l pubblico non solo della curva ma anche della tribuna.
    Un tifo fantastico che io sinceramente non ho mai visto
    come a trasmettere ai giocatori. Il
    seguente messaggio
    ” Ragazzi dimentichiamoci le vittorie fatte e le sconfitte
    subite e ripartiamo da zero.
    AZZERIAMO TUTTO.
    Quello che è stato è stato nel bene e nel male.
    Non pensiamoci più.
    Il nostro campionato inizia oggi col Torino.
    Ci attendono ancora 7 finali ”

    😇 😇 😇
    2) L’atteggiamento della squadra
    Finalmente 11 leoni e non le solite 11 pecore.
    Fa un certo effetto vedere questa squadra trasformarsi da
    DOTTOR JECKIL.a Mister HIDE
    Prima in campo col pannolone che negli ultimi 15 minuti i giocatori riempivano cagandosi addosso dalla paura e facendo errori su errori.
    Ora la squadra è tosta e mpavida concentrata che lotta su ogni palla con cuore, con abnegazione capendo FINALMENTE che si sopperisce al gap tecnico con altre squadre a noi superiori con intensità e concentrazione giocando in modo operaio sapendo che solo con una corsa e con una fame superiore degli avversari, si possono portare a casa risultati importanti.

    😇 😇 😇
    3) D’Aversa.
    Ecco lui ieri è stata la cosa che mi ha sorpreso di più.
    Finalmente D’Aversa sull’orlo del baratro ha capito che senza determinati giocatori il suo modulo andava rivisto e per LA PRIMA VOLTA dall’inizio con umiltà ha rinforzato il centrocampo capendo
    F. I. N. A. L. M. E. N. T. E
    che le partite le vinci a centrocampo e non mettendo attaccanti a iosa, non potevamo giocare SEMPRE con un centrocampo in inferiorità numerica dato che è il centrocampo che da palla all’attacco ed è il centrocampo che filtra per la difesa.
    Senza Gervinho quello schema con 3 attaccanti era assurdo.
    L’ha capita
    MEGLIO TARDI CHE MAI.

    💕 💕 💕 💕 💕 💕 💕
    E ora tutti a Sassuolo per la seconda di campionato
    Seconda di campionato mi direte e
    non trentaduesima di campionato?
    Certo.
    Il nostro campionato è iniziato ieri
    😁 😁 😁

  • 7 Aprile 2019 in 10:56
    Permalink

    Volevo fare una precisazione e dire una cosa.
    Il Parma ieri non si è trasformato da
    Dottor Jekyill in Mister Hide
    ma da MISTER HYDE in dottor JEKYILL
    Fatta questa precisazione volevo fare i
    miei complimenti a
    C E R A V O L O. 🐯
    Nonostante
    fosse una vita che non giocava dal primo minuto
    non avendo per questo i ritmi di gioco
    ieri ha dato tutto e di più.
    Ieri per me è stato il migliore dei nostri.
    Ha lottato come una BELVA 🐯
    ma dimenticavo lui è….. una BELVA 🐯
    Ahi ahi D’Aversa aver fatto giocare
    Schiappacasse,al suo posto….
    Ma non pensiamoci più.
    Come dicevo
    AZZERIAMO TUTTO
    Il nuovo Parma è nato ieri 💕 💕

  • 7 Aprile 2019 in 12:56
    Permalink

    Un brodino caldo con la febbre a 40. Ora cerchiamo l’aspirina che ci guarirà completamente.

  • 7 Aprile 2019 in 13:02
    Permalink

    Adesso ricomciamo con la fola delle prossime partite tutte finali!
    Metafora trita e ritrita che non ha mai portato a nulla di più. Le finali poi, in quanto tali, se ne perdi una vai fuori. Sono partite di CAMPIONATO all’italiana, che vanno giocate con determinazione e convinzione una per una. Inutile fare confusione, dopo una partita c’è n’è un’altra, nelle “finali” no.

  • 7 Aprile 2019 in 15:18
    Permalink

    Nice article …. to the point …..
    honest , sober …the reality …
    Some nice poetic analogies ….

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    Straje’

  • 7 Aprile 2019 in 17:25
    Permalink

    Un paio di riflessione sulla corsa salvezza.
    Le sconfitte odierne di Spal e Empoli hanno abbassato la quota salvezza e per un certo punto di vista anche la vittoria ieri del Frosinone a Firenze (poi spiego).
    Nel prossimo turno Empoli e Spal hanno rispettivamente Juve ed Atalanta (ragionevolmente zero punti) e poi si scontrano tra di loro.
    Se una delle due vince lo scontro diretto vuol dire che l’altra farà zero punti nei prossimi due turni.
    Venendo al Bologna diciamo che domani vincerà con il Chievo poi va a Firenze (che è un derby) e non penso che la Fiorentina perderà di nuovo in casa dopo la sconfitta con il Frosinone.
    Nell’ipotesi ragionevolmente peggiore (ipotizziamo che l’Empoli batta la Spal, risultato peggiore per noi) le nostre avversare tra due turni potrebbero avere la seguente classifica: Spal 32, Empoli 31, Bologna 30.
    Il Parma oggi ha 34 punti e nei prossimi due turni affronta Sassuolo e Milan, prudenzialmente ipotizziamo di fare 1 solo punto per cui andremmo a 35.
    Fatte queste ipotesi prudenti, a soli 5 turni dalla fine (dovendo ancora affrontare il Chievo partita che speriamo di vincere), potremmo avere 5 punti da gestire su Bologna ed Empoli (quest’ultima per il discorso scontri diretti). Aggiungo poi che nel turno successivo (giornata 34) all’Empoli tocca il Bologna mentre noi abbiamo il Chievo, per cui se va in una certa maniera potremmo di fatto essere a +8 a sole 4 giornate dalla fine.
    Inoltre tra due turni avremo probabilmente disponibili Gervi, Inglese e Alves, e con loro sarà possibile fare risultato pieno contro squadre tipo Samp e Fiorentina ma anche a Bologna. Personalmente in questa lotta per la salvezza spero che vada in B il Bologna, ma credo che ci andrà l’Empoli, in quanto Andreazzoli con il suo tipo di gioco non è adatto a guidare una squadra da salvezza, non puoi battere il Napoli (che diciamocelo è andato ad Empoli in gita facendo giocare le riserve tanto il campionato era perso) e poi perdere con l’Udinese per giunta in 10 uomini per tutto il secondo tempo. Una squadra che vuole salvarsi deve prima di tutto limitare i gol presi che è proprio il difetto peggiore dell’Empoli.
    Sempre e solo forza Parma

    • 7 Aprile 2019 in 23:15
      Permalink

      Gervinho dovrebbe rientrare con.il Chievo 🌙
      Inglese con la Fiorentina 🌙
      e Alves con la Sampdoria 🌙
      ma ora non è più questione di uomini.
      È questione che chi entra sappia dare il massimo 🌍
      Ceravolo 🐯 detto LA BELVA può essere la,sorpresa di queste ultime partite.
      Peccato per il Sassuolo.
      Se vinceva era salvo e contro di noi avrebbero avuto
      poche motivazioni invece così…. occhio 😈 😈

  • 7 Aprile 2019 in 21:01
    Permalink

    Bravo LG. Analisi perfetta con la sola differenza che credo noi faremo più punti di quanto pensi nel senso che se giochiamo con la determinazione di ieri con il Sassuolo potremmo anche vincere.

    • 8 Aprile 2019 in 23:28
      Permalink

      Ma il Sassuolo è molto più in forma e non ha i giocatori più importanti infortunati… Viene da una vittoria schiacciante e da una quasi vittoria diventata pareggio ai supplementari… Sarà durissima

  • 7 Aprile 2019 in 23:08
    Permalink

    La spal non perderà domenica con la juve..la Juve non andrà certamente a fare la partita della vita .

    • 8 Aprile 2019 in 09:49
      Permalink

      Vero ma alla Juve le sconfitte anche in amichevole non sono mai gradite, hanno giocatori che non ci stanno a farsi mettere sotto, poi vincendo chiuderebbero la pratica scudetto.

  • 8 Aprile 2019 in 01:38
    Permalink

    Mica è il gioco di andreazzoli, ha dei difensori balordi, il loro errore è stato prendere iachini piuttosto, snaturando la squadra non solo in campo ma anche nelle scelte di mercato

    • 8 Aprile 2019 in 09:47
      Permalink

      Che i difensori dell’Empoli non sono dei fenomeni siamo d’accordo, dunque motivo in più per non fare un gioco spregiudicato con una difesa altissima.
      Il nostro Alves è fortissimo a difesa schierata ma se gioco con una difesa alta e mi va via un avversario in campo aperto, Alves non lo prenderà mai.
      Gli allenatori devono scegliere il modo di giocare anche in funzione delle caratteristiche dei giocatori che hanno.

  • 8 Aprile 2019 in 07:39
    Permalink

    Scusate l’intervento antipatico:
    1. quelli che attingono al patrimonio linguistico anglofono dovrebbero scrivere CLEAN (Rigth Savarese ?);
    2. Lo so che lo fanno tutti ma confondere prova d’orgoglio con penose perdite di tempo non mi fa stare tranquillo.

  • 8 Aprile 2019 in 08:37
    Permalink

    Ceravolo è forte. 🔥 🔥
    Non riesco a capire per quale motivo i tifosi non lo sanno.
    Speriamo piuttosto che non s’infortuni pure lui.
    Ceravolo da qui a fine campionato farà 4 gol sempre ovviamente
    che non s’infortuni.
    Accetto scommesse, segnerà 4 gol.
    Sta ritornando la belva 🐯
    E ora TUTTI A SASSUOLO per la nostra finale di
    CHAMPIONS LEAGLE 🏆
    Ma bisogna,andare per vincere.
    Se si va per pareggiare si perde…….la 🏆

  • 8 Aprile 2019 in 09:20
    Permalink

    Tutti questi ragionamenti sanno di masturbazione mentale. Dobbiamo solo giocare concentrati e dare in ogni match il 110%. Il mister deve essere capace di mandare in campo i giocatori realmente motivati ed in forma, adattando il modulo in base alle disponibilità (vedi partita control il torino). Chi non è in forma o non se la sente di impegnarsi fino in fondo, lo faccia accomodare in panca. Non a caso contro il toro i migliori in camp sono stati chi finora ha fatto tanta panchina (Sprocati, Ceravolo, Sierralta, oltre agli inossidabili mastini Iacoponi e Gagliolo). A questo punto del campionato la differenza la fa la motivazione e la cattiveria agonistica. Vedi il frosinone che fino a ieri era dato per spacciato e che anche ieri ha vinto contro la Viola in atteggiamento balneare (come contro di noi allo Stirpe). Solo così potremmo raccimolare quei 5 o 6 punti che vorrebbero dire salvezza.

  • 8 Aprile 2019 in 10:47
    Permalink

    ah ah ah, si usano termini “anglofoni” perché fa più cool, ma poi si ci si sbaglia a scriverli e figuriamoci a pronunciarli…
    Parlino (..scrivano)i Signori come mangiano, l’è mej.
    pastasuta sugoro e formai

    Shakespeare si rivolta nella tomba,
    dalle risa su noi velleitari maccaroni

  • 8 Aprile 2019 in 11:49
    Permalink

    Ora non servono più i nomi altisonanti.
    Serve chi da il 120% 🐯 🐯
    Servono delle belve 🐯 ( una l’abbiamo già)
    Serve chi ci crede 🍷 🍷
    Serve chi è concentrato ☕ ☕
    Serve chi ha i coglioni 🍒 🍒
    Chi da,solo il 90% anche se è considerato
    un titolare stia in panca. 🐑 🐑
    Meglio un asino vivo che un dottore morto ➕
    A Sassuolo se si gioca come col Toro 🍒 🍒 si vince
    Se si gioca 🐑 🐑 🐑 come a Frosinone si perde.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI