PURA PASSIONE, ECCO IL CORTO INTEGRALE DEL REGISTA LUCA LUCINI PER RINGO CON PROTAGONISTE LE CALCIATRICI DEL PARMA CALCIO 1913 (video)

PURA PASSIONE, ECCO IL CORTO INTEGRALE DEL REGISTA LUCA LUCINI PER RINGO CON PROTAGONISTE LE CALCIATRICI DEL PARMA CALCIO 1913 (video)

A tutte le donne che non smettono di inseguire i propri sogni, un buon 8 marzo da Ringo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

AL D’AZEGLIO LA PRIMA DI “PURA PASSIONE”, IL CORTOMETRAGGIO RINGO, CON PROTAGONISTE LE CALCIATRICI DEL PARMA CALCIO 1913, GRIFFATO DA LUCA LUCINI – I video della serata

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

37 pensieri riguardo “PURA PASSIONE, ECCO IL CORTO INTEGRALE DEL REGISTA LUCA LUCINI PER RINGO CON PROTAGONISTE LE CALCIATRICI DEL PARMA CALCIO 1913 (video)

  • 8 Marzo 2016 in 12:46
    Permalink

    Davvero bello 🙂

    colgo l’occasione per augurare buon 8 marzo a tutte…

  • 8 Marzo 2016 in 13:07
    Permalink

    Io avrei un’idea, lo ammetto, è un’idea che potrebbe sembrare folle ma che folle NON E’.
    Se ci pensate potrebbe essere attuabile.
    L’idea è quella di riempire in ogni ordine di posti lo stadio Tardini grazie alle ragazze che farebbero una partita di beneficienza e offrirebbero tutto l’incasso per la ricerca.
    Ovviamente questa partita dovrebbe essere giocata una sera d’estate.
    Cosa consiste la mia idea per riempire completamente lo stadio?
    Semplice, si farebbe una partita tra ragazze bianche e ragazze nere o mulatte che dovrebbero scontrarsi tra di loro.
    Uno potrebbe dirmi
    “Ma lo stadio non verrebbe mai riempito”
    Certo non verrebbe mai riempito ma se noi queste ragazze le facciamo giocare completamente nude, lo stadio state tranquilli si riempirebbe in ogni ordine di posti.
    Non occorrerebbero nemmeno le magliette in quanto il colore della pelle farebbe da maglietta.
    Non sarebbe poi oltraggio alla pubblica decenza in quanto non ci sarebbe nulla di osceno, sarebbe come AMMIRARE un’opera d’arte
    e una donna nuda è un ‘opera d’arte del Creatore.
    Certo, più che l’abilità e la tecnica delle giocatrici, verrebbe privilegiato l’aspetto fisico e questo mi sembra logico
    Certo è un’idea irrealizzabile anche perché siamo in un mondo bigotto e bacchettone.
    Una partita tra donne nude. CHE SPETTACOLO SAREBBE. ! ! ! !

    • 8 Marzo 2016 in 17:00
      Permalink

      Velenoso, vai avanti tu a metterti nudo con un nero a giocare a ping pong in piazza Garibaldi, metti il cappello per terra e vediamo se funziona, se tiri su della pila ti mettiamo una maglia del Parma e vai in centro a Reggio a chiedere la disponibilità alle donne per il progetto della partita tra donne nude al Tardini, io credo sia un’idea benefica solo in questo caso.

  • 8 Marzo 2016 in 13:55
    Permalink

    certo che tu direttore pur di farti vedere ti intrufoli proprio dappertutto eh? 🙂

    • 8 Marzo 2016 in 14:01
      Permalink

      Il regista, conosciuto il mio curriculum, mi ha pregato di mettermi a disposizione…

      • 8 Marzo 2016 in 15:27
        Permalink

        E sa anche che lascia anche troppa libertà d’opinione? 😂😂 Capirá a cosa mi riferisco

  • 8 Marzo 2016 in 14:15
    Permalink

    Ehm… ti riferisci al curriculm da attore, naturalmente. 🙂

  • 8 Marzo 2016 in 14:21
    Permalink

    …o il calcio o il ginocchio…ha proprio ragione…

  • 8 Marzo 2016 in 15:21
    Permalink

    A go da dir che ti, velenoso, a tia strolghi tutti par dir la toa..
    un idea furbetta ma, purtroppo x te, irrealizzabile, soprattutto alla luce della giornata odierna, del femminismo, del buon senso che non è bigotto nè bacchettone e, a tal proposito, vorrei chiederti :

    ci manderesti tua moglie ?
    tua figlia ?
    sorella ?
    nipote ?
    ..
    immagino di no..vero ?

    ecco ..ho già avuto conferma che, in caso di tuo diniego, vorresti ..ma con il corpo delle altre …eh eh eh ..furbacchione di un velenoso ..
    io invece mia nonna la manderei ..è una sexi vecchietta di 114 anni
    che giocava a calcio da ragazza ma ora non so se riuscirebbe ancora..però in campo la possiamo mandare lo stesso ..!!!!

    • 8 Marzo 2016 in 18:55
      Permalink

      Ma Morosky era una provocazione.
      Majo l’ha capita non cestinandomi ma tu no.
      Forse non lo sai ma a me piace provocare e vedere in quanti abboccano all’amo
      Dai era una pennellata di colore anche se si potrebbe fare una gara tra prostitute dell’est bianche e altre prostitute nigeriane nere così non c’è ne’ fratello o fidanzato che possa dire qualcosa.
      ECCO QUESTA SAREBBE UN’IDEA.
      Dai che,sto scherzando.
      .

    • 11 Marzo 2016 in 14:34
      Permalink

      Grande Mauro!

  • 8 Marzo 2016 in 15:34
    Permalink

    A proposito del video spot in questione: ho pianto vedendolo, mi ha commosso per il tema, la musica, la passione disinteressata e l’amore che sprigionava da quelle parole, passione…gioia….calcio & sport allo stato puro…agonistico ma pulito, di sacrificio, di impegno, volontà, tenacia, tecnica, abilità ma…passione che è quella che alimenta ogni ns gesto desiderato e voluto…con tutte le ns forze … indipendentemente dal risultato finale perchè..

    E TANTO GIà LO SO CHE L’ANNO PROSSIMO CHE L’ANNO PROSSIMO …ALE’ ALE’ O ALE’ ALE’ O

    complimenti alle ragazze, al regista, alla troupe , alla società e, ovviamente, allo sponsor che ha ideato questa piacevole perla …
    i msg positivi vanno sempre a raggiungere l’obiettivo…
    la pubblicità incrementa visibilità e vendite, ovvio…
    ma in questo caso coinvolge tante componenti speciali, particolari ..andando a toccare cuore e sentimenti, tutte corde sensibili rivolte ai giovani, al mondo delle donne, coinvolgendo la purezza antica del ruolo dello sport coniugandolo a dei valori sani, puliti, lontani da veleni, droghe, raggiri, manenti, fallimenti, plusvalenze, e tutte le porcate quotidiane che si leggono e che continuano a sporcare anche quei pochi ideali / sogni rimasti.

  • 8 Marzo 2016 in 15:40
    Permalink

    Complimenti per il cammeo direttore, avrebbe potuto fregare l’oscar a Di caprio…

  • 8 Marzo 2016 in 16:22
    Permalink

    Velenoso,tienimi da parte un biglietto!

  • 8 Marzo 2016 in 17:14
    Permalink

    Certo che Osso ha fiaccato e non poco. Al pèr Lugaresi, ogni volta che incrocia un microfono fa la faccia contrita (non fa fatica) e parla di Parma di quello che passato al Parma. Al di là delle responsabilità tecniche sue enormi (e che nel casino bancarottiano del magico duo nessuno gli ha mai imputato), sarebbe ora che ci desse un taglio anche perchè 3 mesi di stipendio li ha presi e da retrocesso con tanto di stigmate da santo ha trovato subito una bella panca e ritirato non so quanti premi. Io mi tocco i maroni di non ritrovarmelo ancora in nazionale.

    • 11 Marzo 2016 in 14:06
      Permalink

      Bravo Davide!

  • 8 Marzo 2016 in 18:22
    Permalink

    Molto, molto bello! Buon 8 marzo a tutte le donne!

  • 9 Marzo 2016 in 09:10
    Permalink

    caro Velenoso, in questo caso, i primi posti a ridosso del campo andrebbero a ruba.. altro che tribuna vip e visuale d’insieme!!!

    ti propongo una variante…
    squadre miste, ma con una magietta bagnata, di tessuto molto sottile e se inzuppato trasparente. ovviamente l’ingresso in capo con rito sotto il doccino..
    idem gli arbistri anch’esse donne con stessa maglietta..
    l’unico uomo majo in campo a riprendere la gara, ed i filmati inseriti qui il giorno dopo..

    il tutto, per amore dello.. sport!!!
    🙂

    • 9 Marzo 2016 in 10:39
      Permalink

      Senza maglietta, questo è tassativo.
      In quanto a Majo se la sentirebbe di riprendere o la mano alla vista di quel ben di Dio, diverrebbe tremante e insicura dal desiderio?
      Io penso che non ce la farebbe a riprendere, le immagini tremolanti che farebbe sarebbero poi sempre focalizzate non sui visi ma…
      Dai avete capito.
      Una partita del genere forae si giocherà verso il 2050 quando la gente sarà meno bacchettona e nel 2200 le donne in tutti gli sport gareggeranno completamente nude.
      Non sarà permesso di tenere nemmeno un braccialetto e il colore della maglia quando dovesse servire sarebbe dipinta sulla pelle.
      Ovviamente le atlete brutte goffe grasse e insignificanti sarebbero indirizzate verso serie inferiori dove giocherebbero vestite.
      Ragazzi io vedo nel futuro, è una mia dote.
      Che bel mondo sarebbe
      Purtroppo e sottolineo PURTROPPO…………noi non ci saremo.

  • 9 Marzo 2016 in 13:24
    Permalink

    Bei commenti, veramente nello spirito dell’8 marzo

    ILLUMINANTI.

    • 9 Marzo 2016 in 14:17
      Permalink

      Questa Paola l’ho scritta il 9 marzo quindi la festa delle donne è passata.
      Ma ti non ti devi sentire come donna offesa.
      Nel 2050 nessuno le obblighera’ a gareggiare nude, sarà una loro scelta e tu vuoi fare la dittatrice e proibire loro di.manifestare la loro sessualita come vogliono guadagnando 10 volte di più che fare n le prostitute?
      Ti capisco perché tu sei di un’altra generazione bacchettona e vedi tutto su una luce di censura ma nel 2200 ci saranno anche gare con uomini nudi e le donne ne andranno matte.
      Per questo lascia tempo al tempo senza giudicare tanto noi non ci saremo.
      Ciao.

      • 9 Marzo 2016 in 16:52
        Permalink

        Purtroppo però siamo nel 2016 e lei Esiste

        E cerki di Rispettare di Più le Donne va là

        • 9 Marzo 2016 in 20:20
          Permalink

          Io la donna la rispetto appunto per questo la LASCIO LIBERA DI FARE QUELLO CHE VUOLE

          • 9 Marzo 2016 in 23:44
            Permalink

            “IO la lascio libera di fare quello che vuole”
            lo capisci che in questo che dici c’è esattamente espresso il concetto di quello che per te è una donna?
            Io lascio fare quello che vuole a qualcuno che controllo, che è una mia proprietà, ad esempio io potrei parlare così riferendomi al mio pastore tedesco.. che lo libero in un prato e gli lascio fare quello che vuole perchè gli voglio bene, ma lo controllo non si sa mai. Capisci cosa intendo quando dico che è la forma ” mentis” che deve “progredire” ? Cmq era per precisare il mio pensiero, non per fare polemiche. Ciao

      • 11 Marzo 2016 in 14:09
        Permalink

        “Le donne ne andranno matte”… ahahahah….che caxxate spari? Saresti da rinchiudere…dai là. ..

  • 9 Marzo 2016 in 16:27
    Permalink

    Stiamo attenti, è proprio dal disprezzo delle donne che molti arrivano al femminicidio. Non c’è da scherzare. Cmq ognuno si regola col proprio senso di umanità. Io non festeggio la festa delle donne perchè essendo un essere umano non mi va di essere trattata come una specie protetta, però spero sempre che nella società qualcosa cambi. Ed è proprio dalle “battute” che si può evincere quanta strada dobbiamo ancora fare. Quello che viene fuori spontaneo da una battuta è il sintomo di quello che è radicato nella testa degli esseri umani . E non cambia come ben si vede.
    Io ho rispetto di tutti e se per questo sono bacchettona ben venga, lo prendo come un complimento. Ciao

    • 11 Marzo 2016 in 14:32
      Permalink

      Discorso encomiabile…bravissima Paola.
      Per il resto la boutade di Velenoso si commenta da sola e lascia emergere una volta di più quanto alcuni soggetti abbiano bisogno seriamente di una mano…lo dico col cuore….anche solo desiderare una società in cui le donne stiano in campo nude per gente bavosa che le osserva, lascia emergere chiaramente che molto non va….Spero e penso che sia solo il pensiero di pochi soggetti problematici, sennò siamo davvero nei guai….

  • 9 Marzo 2016 in 19:07
    Permalink

    Ieri su You Tube il filmato era a 6000 visualizzazioni oggi è già arrivato a 181.000 : Un bel successo! 🙂

    • 9 Marzo 2016 in 20:37
      Permalink

      Dopo che l’ha “embeddato” StadioTardini.it 🙂

  • 9 Marzo 2016 in 19:40
    Permalink

    Ho rivisto più volte il cortometraggio e più lo guardo e più mi piace. Complimenti a chi lo ha scritto, diretto e interpretato. Alcune riflessioni.
    Pensare a queste ragazze che si allenano e si impegnano come i ragazzi a dispetto del disinteresse, snobismo, facili ironie viene proprio da dire: se non è passione questa..!
    Due frasi mi hanno colpito.
    La prima: “giocare allo stadio significa essere calciatori”, quindi non se hai la cresta, mille tatuaggi, twiitti, feisbucchi e fai il divo, alla faccia di mille “fenomeni” che popolano la nostra serie A, B ecc..
    La seconda “Giocare, vuole solo giocare”. Pensa un po’: ci volevano le ragazze per ricordare a tutti che il calcio è questo, un gioco.
    Ultimo paragrafo del “pistolotto”: sarà, ma secondo me queste ragazze vestono e portano in giro la nostra maglia con molto più orgoglio e dignità di decine di personaggi che hanno militato in prima squadra.
    Amen

  • 9 Marzo 2016 in 20:25
    Permalink

    Paola, io la donna la rispetto.
    E’ la cosa più bella del creato.
    Senza le donne il mondo non esisterebbe
    Chi picchia una donna per me andrebbe messo in galera a vita.
    Chi poi ammazza una donna, io l’impiccherei in piazza.
    La donna è vita
    La donna è amore.

  • 9 Marzo 2016 in 22:47
    Permalink

    Gli esseri umani TUTTI sono una delle bellezze del creato !
    Non c’è bisogno di elogiare le donne, basta rispettarle sempre
    e semplicemente perchè sono ESSERI UMANI.

  • 10 Marzo 2016 in 09:52
    Permalink

    Paola amche chi ammazza un bambino o una donna è un essere umano e quindi stando alla tua tesi becera è una bellezza del creato.
    Non è per caso che sei una suora e perdoni anche queste
    ” bellezze del creato”?

  • 10 Marzo 2016 in 10:43
    Permalink

    non vale proprio la pena parlare con te

    Mi sono sbagliata.

    • 11 Marzo 2016 in 14:33
      Permalink

      Confermo…ci ho provato spesso anch’io ma è tempo perso….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI