IN KUBA PER LA VITTORIA

Luca Savarese(Luca Savarese) – Dacci oggi il nostro calcio quotidiano. Sale, accorata la nostra preghiera di calciofili, mai domi. Ma, spesso, anzi ultimamente troppo spesso, i protagonisti più conclamati del pallone, ci danno essi stessi calci, che magari non ci aspettavamo. Certo non esistono più le mezze stagioni e nemmeno le bandiere intere: se prima era l’eccezione, oggi trovare a settembre tizio in un club e scoprirlo a gennaio in un altro, è la regola, le fragole le trovi anche a gennaio, però, uno stupore misto a fastidio ci coglie quando sentiamo che il delantero argentino numero 9 dell’Inter vuole ancora di più ed in combutta con la sua moglie-manager continua a dar luogo ad un m’ama non m’ama infinito, pruriginosamente mediatico, stucchevole. O che il puntero sempre argentino e sempre numero 9 ma del Milan, è vita natural durante nervoso ed irascibile. Povero, col lavoro che fa…Facce tristi, gente che ha già tutto ma vuole perennemente di più. Sacra fames auri, miserabile cupidigia dell’oro, avrebbe detto Virgilio, forse ultimamente un po’ geloso, nel suo limbo, ad aver visto fare al Parma quello che fino a prima era stato capace di compiere solo il suo Mantova: salto quadruplo, dalla D alla A, nei favolosi anni 60. E in questo compulsivo premere il tasto + della calcolatrice, ogni tanto si finisce per perdere di vista il segno x, quello che divide, che non tiene tutto solo per sé. Per i nostri idoli della pelota primum ricevere, deinde dare. “Soldi soldi soldi chi ha tanti soldi vive come un pascià”…cantava Betty Curtis, nel 1962. Gioco di squadra in campo, varie iniziative benefiche certo e menomale che non tutti i nostri miti sono argentini ed hanno il 9 sulle spalle… Ma, sul far della sera, eccoli i re: guardare che il proprio orticello diventi presto giardino, foresta, distesa e i loro scagnozzi a rimpinguare ed ingrassare. Immanenza satura, per dirla con la felice espressione usata dalla filosofa contemporanea Donatella Di Cesare. Per fortuna, che ogni tanto, c’è un tocco di trascendenza che rovescia un po’ il verso delle cose, un gesto che apre e che spiazza come il primo rigore, al cucchiaio, di Antonin Panenka. Arriva dalla Polonia, terra fertile. Vedere il cammino che mica si è fermato, anche se è temporalmente finito, di Karol Wojtyla, per credere. Qui Jakub, kubadetto Kuba, Blaszczykowski, classe 85, che nel bel paese nella stagione 2015-2016 ha indossato la maglia della Fiorentina per un totale di 15 presenze e 2 gol, ha voluto salvare la sua attuale squadra, il Wisla Cracovia (vecchia frequentazione europea del Parma), che lo lanciò nel calcio professionistico, dal baratro del fallimento. Prima mossa, ha scelto di giocare gratis. Seconda giocata: ha deciso di prestare un milione di euro alla società, che sarà così in grado di pagare gli stipendi a giocatori e dirigenti. Un gol sotto il sette, di quelli che lasciano basiti, senza parole. Solo chi ha sofferto riesce a capire davvero e fino in fondo la grammatica della sofferenza. Kuba infatti quando aveva solo dieci anni assistette all’uccisione di sua mamma per mano di suo papà. I nonni lo hanno cresciuto, lui si è irrobustito, ha capito che c’è il male ma che non tutto il male vien per nuocere, così ha scoperto, sulla sua pelle, il vangelo silenzioso della carità, mentre iniziava il suo viaggio, con la palla al piede: Wisla, Dortmund (una finale di Champions con la medaglia d’argento nel 2013) Fiorentina, Wolfsburg e ancora Wisla, per chiudere il cerchio, per spalancare il cuore. Senza nessun agente ingombrante, senza nessuna patetica caccia al rialzo. Così, giocando e donando. Sì, in Kuba per la vittoria. Luca Savarese

24 pensieri riguardo “IN KUBA PER LA VITTORIA

  • 18 Gennaio 2019 in 08:10
    Permalink

    Vi darò la formazione, per quelli che saranno i convocati mi sto attrezzando:

    ……………………………………SEPE
    …….IACOPONI BRUNO ALVES BASTONI GAGLIOLO
    …………………..DEIOLA STULAC BARILLA’
    ……………….SILIGARDI INGLESE GERVINHO

    nel secondo tempo :

    DIMARCO x Gagliolo / Barillà
    KUCKA x Deiola
    BIABIANI x Siligardi / Gervinho

    Parma che tornerà vittorioso !!!! J’espere

  • 18 Gennaio 2019 in 08:54
    Permalink

    Giocatore stellare al Dortmund di Klopp. Sempre piaciuto.

  • 18 Gennaio 2019 in 12:54
    Permalink

    È quindi arrivato il transfer di Kucka?

    • 18 Gennaio 2019 in 13:11
      Permalink

      La conferenza stampa di Mister D’Aversa delle ore 14.15 probabilmente fornirà notizie ufficiali in merito. Non manca molto, ormai…

      • 18 Gennaio 2019 in 14:13
        Permalink

        Direttore le è piaciuto Suspiria?

        • 18 Gennaio 2019 in 14:27
          Permalink

          Ci sono delle spie che mi hanno visto? Cmq, sinceramente, non tanto. Ho rssato?

          • 18 Gennaio 2019 in 14:40
            Permalink

            Ero dietro di lei, avrei voluto presentarmi ma poi è iniziato il film… sarà per la prossima volta…A proposito, più inquietante Suspiria o il nuovo comunicato dei cinesi?

          • 18 Gennaio 2019 in 14:45
            Permalink

            Non sono sul pezzo circa il comunicato dei cinesi… Prima mi documento, poi vediamo…

            Eh io arrivo sempre un attimo primo della proiezione… Cmq presentiamoci…

  • 18 Gennaio 2019 in 12:55
    Permalink

    Deiola non lo davano per già rientrato al Cagliari?

    • 18 Gennaio 2019 in 13:17
      Permalink

      Se rientra a Cagliari immagino lo lascino partire dopo questa partita visto che Rigoni non c’è.

  • 18 Gennaio 2019 in 13:07
    Permalink

    Ho un dubbio: ma kucka al posto di chi entra in lista ?

    • 18 Gennaio 2019 in 13:10
      Permalink

      Durante la fase di mercato è possibile presentare liste alla vigilia di ogni gara che possono essere diversissime rispetto a quella del Girone d’Andata e a quella che sarà definitiva per il girone di ritorno dopo la chiusura del mercato.

      Il Parma avendo già utilizzato le due sostituzioni stagionali previste non potrà – dopo il 31.01.2019 – effettuerà ulteriori variazioni alla lista che rimarrà definitiva (a parte eventualmente per i portieri)

  • 18 Gennaio 2019 in 13:13
    Permalink

    Con Rigoni semi indisponibile, Kucka non ha i 90 minuti e Scozza a mezzo servizio, ….o gioca Munari o gioca Deiola …credo io ..
    poi , tutto potrebbe essere !!!
    ma, fino a quando non ci sono gli idonei sostituti, non parte nessuno ritengo ..!!

  • 18 Gennaio 2019 in 15:10
    Permalink

    …………………………..Tratto da Parmalive:

    Comunicato di Lizhang: “Depositato un ulteriore 30%, la maggioranza è nostra”

    ANSA) – PARMA, 18 GEN – Jiang Lizhang, l’ex presidente del Parma Calcio 1913 declassato ad azionista di minoranza lo scorso 23 ottobre con la sua società Link, continua la battaglia per riconquistare i vertici del club emiliano. Oggi, con una nota, Link comunica di non avere solo sottoscritto l’aumento di capitale per l’attuale 30% del pacchetto azionario (come aveva comunicato lo stesso Parma Calcio 1913 una settimana fa) ma anche di avere depositato un ulteriore 30% considerandosi ancora azionista di maggioranza della società di calcio. Complessivamente Link avrebbe versato circa 7 milioni di euro, metà direttamente nelle casse del club e metà in deposito presso il notaio Napolitano & Caricato di Milano. E’ questo l’ultimo atto del braccio di ferro fra Nuovo Inizio spa, la società che rappresenta un gruppo di imprenditori parmigiani, e il magnate cinese che accusa l’attuale maggioranza di aver compiuto “azioni illecite” e annuncia il ricorso a vie legali.

      • 18 Gennaio 2019 in 15:14
        Permalink

        Forse ma, di colpo, si sono aperte le frontiere o addirittura tutta la muraglia ??

        • 18 Gennaio 2019 in 15:18
          Permalink

          Cmq è un autogol giallo: come giustificherà le varie inadempienze che gli contesta Nuovo Inizio che per prima li ha trascinati all’arbitrato, se ora la pila la caccia e per un anno no?

          • 18 Gennaio 2019 in 15:46
            Permalink

            Gentile direttore, io sono portato a credere che questa ,tardiva, mossa non sia altro che dovuta ad un bislacco ed inutile tentativo di riacquistare la „verginità „ perduta agli occhi dei parmigiani e non.
            Questo ovviamente a ragione di una causa legale in corso, mettendo un po‘ di pressione.
            Alternativamente potrebbe aver ricevuto una lavata di capo dall’azienda da cui dipende e conseguentemente cerca di non perdere i soldi investiti e soprattutto anche una eventuale rivendita futura. Un club di A senza debiti salvo, de prestigio del Parma ha un valore direi piuttosto elevato.
            Ricordiamoci Taçi e Giordano o i fantomatici Quatarioti quanto erano disposti a spendere per il Parma FC.

          • 18 Gennaio 2019 in 16:10
            Permalink

            Mah. Che cerchi del clamore mediatico lo si è visto anche recentemente, ricordiamo che la prima esternazione pubbica post “golpe” fu all’indomani di aver ricevuto notizia giudiziaria dell’arbitrato intentato da Nuovo Inizio.

            Le modalità di esternazione non sono il top, e già una volta sono stati sputtanati da SportParma per questo e anche stavolta la mail del comunicato rilanciato dall’ansa arriva da un indirizzo inedito “gmail” che può aprire chiunque…

            L’aspetto legale evito di commentarlo, ma anche qui secondo me non sono propriamente ineccepibili…

  • 18 Gennaio 2019 in 16:25
    Permalink

    Ribadisco che di colpe l’argentino – nel caso specifico – non ne ha. Lui lavorava già per i Cinesi e si è tuffato dentro dopo che l’operazione era già stata conchiusa. Ma ribadisco anche che uno che ha messo 18 milioni non poteva essere considerato inaffidabile. E le “analisi del sangue” le aveva superate. E i 7 soci mi paiono tutt’altro che degli sprovveduti.

    Quindi iniziamo a smetterla di reiterare leggende metropolitane senza fondamento. Grazie

    • 18 Gennaio 2019 in 16:57
      Permalink

      Majo ma semplicemente non è che il cinese sta facendo di tutto per riprendersi la maggioranza solo per poi rivenderlo al maggior offerente visto che ora siamo più appetibili?… Male che vada cercherà di vendere il 30% cmq…

      Ps. Sono curioso di sapere che somma come risarcimento danni hanno chiesto i 7 soci? Magari ora il cinese sta tremando per quello.. Può essere Majo?

      Grazie

      • 18 Gennaio 2019 in 17:05
        Permalink

        Io eviterei mille contorsioni mentali: era evidente che i Cinesi non avrebbero accettato a cuor leggero di veder perso il proprio investimento, per cui stanno cercando di difendere le proprie posizioni, come era normalissimo che accadesse, perché non sarebbe stato normale che chiunque accettasse senza colpo ferire di vedersi decurtata la metà delle proprie quote, indipendentemente dalle ragioni all’origine del ribaltone.

        Le mosse fatte non mi paiono il massimo (mi sfugge il senso di depositare – sempre ammesso sia vero – 3 milioni e mezzo da un notaio: al limite li metti nel conto della società se ti senti di essere il socio di maggioranza…), ma tant’è… Evidentemente è una questione di cultura e io non sono in grado di decifrare bene quella orientale…

        Non credo proprio che ci possa esser qualcun altro – se non Nuovo Inizio che ha il resto del pacchetto – che possa esser interessato a comprare il 30% di una società (peraltro senza neppure consiglieri in Cda).

        Circa i danni non conosco cosa balli, ma non è un argomento che mi arrapa…

  • 18 Gennaio 2019 in 18:56
    Permalink

    Direttore con pardon. Ma se uno che supera le viste al mora dopa di an i casi sono due. O il dottore era un dottorino o gli è venuta una malattia grossa.
    Questa assurda vicenda ha però una morale che mi piace. Il pidocchio che per colpa della sua pidocchieria (il non aver più voluto mettere in centesimo diventando quindi inadempiente) perde tutto. Non vorrei esssre il sartino cinese perché secondo me il suo padrone ovvero il vero proprietario dei soldi sarà parecchio alterato. E in Cineseria non ban mica tanto per il sottile….

  • 18 Gennaio 2019 in 18:57
    Permalink

    Comunque noi altri mai che stiamo 30 giorni di calendario senza rotture di balle societarie legali pecorare cazzein etc.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI