FERRAGUTI, DIRETTORE DI TELEDUCATO, E L’ACCUSA DEL PARMA DI INTENTI SPECULATIVI: “OCCORRONO PIU’ PAZIENZA E MENO LIVORE: QUEL GIUDIZIO SOMMARIO NON E’ PROPRIO DA EUROPA LEAGUE”

pietro adrasto ferraguti direttore teleducato parma foto stadiotardini it(Pietro Adrasto Ferraguti, direttore responsabile di Teleducato Parma, dal TG delle ore 19,30 del 21.08.2014 – web registrazione a cura di Alex Bocelli) – Se un politico ruba, se qualcuno ammazza, diamo la notizia. Se una società di calcio, lo ha detto la Federcalcio, non paga una parte di ritenute Irpef, e perde cinque gradi di giudizio tra giustizia sportiva e ordinaria e non va in Europa e i suoi rispettabili tifosi assistono civilmente alla presunta ingiustizia, diamo la notizia. Arriva in redazione la risposta del Tas di Losanna ai nostri quesiti: guarda il caso, nessuno aveva pensato di chiedere conto di nulla.  Eppure la notizia c’è. L’unico Tribunale che poteva riammettere il Parma in Europa pareva addormentato sulle pratiche e invece no e lo fa sapere ufficialmente e dice: non per colpa nostra. Il comunicato del Parma calcio è un conglomerato giuridico che mette punti fermi. La procedura d’urgenza richiedeva imprescindibilmente il consenso di tutte le parti in causa, cioè Parma e Torino. E sempre il Torino si è opposto alla celebrazione del giudizio in lingua italiana, fatto che allunga i tempi. Insomma i legali puntano il dito sull’ostruzionismo dei granata. Nella nota però nessuna traccia del perché il Parma non abbia richiesto la cosiddetta misura cautelare che il Tas, regole alla mano, deve concedere e senza il consenso della controparte. Ora, se si tratta di sottili strategie difensive nulla da eccepire. Stessa cosa se la società, valutando il rapporto costi-benefici di una procedura cautelare e il calcolo delle probabilità di successo, abbia ritenuto di non forzare la mano al Tas, salvaguardando propri interessi economici ed anche ragioni sportive, rispetto a operazioni di mercato e dosaggio della preparazione pre-stagionale. Se ci sia dell’altro o sia tutto qui, resta che le cose bisogna spiegarle prima, non dopo. Il Parma calcio è uno dei beni preziosi che appartengono a tutta la comunità. Che bisogna rispettare e con cui occorre dialogare. Il tema riguarda anche giornali e tv. Sfregiare taluni con l’accusa di intenti speculativi questa no, non è una buona notizia. Occorrono più pazienza e meno livore e quel giudizio sommario non è proprio da Europa League. Pietro Adrasto Ferraguti, direttore responsabile di Teleducato Parma, dal TG delle ore 19,30 del 21.08.2014

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA DI IERI DI CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE CON LA RISPOSTA DEL TAS AI QUESITI DI MICHELE ANGELLA DI TELEDUCATO (web registrazione a cura di Alex Bocelli)

image

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ANGELLA NEL TG DI TELEDUCATO RESPINGE LE INFAMANTI ACCUSE DI SPECULAZIONE MOSSE DAL PARMA: “IL NOSTRO LAVORO VENGA RISPETTATO E NON STIGMATIZZATO”

L’OPINIONE DI MAJO DOPO IL COMUNICATO DEL PARMA SULLA VICENDA TAS: “FUMOSO PERCHE’ NON SPIEGA PERCHE’ NON E’ STATA RICHIESTA LA MISURA CAUTELARE E OFFENSIVO NEI CONFRONTI DEI MEDIA”

IL COMUNICATO DEL PARMA SUL RICORSO AL TAS

CALCIO & CALCIO / IL TAS A TELEDUCATO: “IL PARMA NON HA CHIESTO NE’ L’APPLICAZIONE DI UNA MISURA PROVVISORIA NE’ LA PROCEDURA ACCELERATA: PENDE IL PROCEDIMENTO ORDINARIO”

ANGELLA SCRIVE, IL TAS RISPONDE: STASERA “CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE” TORNA IN DIRETTA CON IMPORTANTI RIVELAZIONI SUL RICORSO DEL PARMA NON ANCORA DISCUSSO A LOSANNA

CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE / I DUBBI DI MAJO SULLA CONVIVENZA CASSANO-BELFODIL E QUELLI DI DONDI SULLA VECCHIA GUARDIA: “LUCARELLI, GOBBI E MARCHIONNI TERRANNO?”. E BONI ALZA LA CRESTA

CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE / Il video integrale della puntata di ieri sera del talk show di Teleducato e la fotogallery amatoriale dal backstage

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “FERRAGUTI, DIRETTORE DI TELEDUCATO, E L’ACCUSA DEL PARMA DI INTENTI SPECULATIVI: “OCCORRONO PIU’ PAZIENZA E MENO LIVORE: QUEL GIUDIZIO SOMMARIO NON E’ PROPRIO DA EUROPA LEAGUE”

  • 21 Agosto 2014 in 20:53
    Permalink

    Resta il fatto che la trasparenza non è una delle qualità dell’era Ghirardi.

  • 21 Agosto 2014 in 22:48
    Permalink

    Il sito della Gazzetta di Parma ha ripreso il comunicato del Parma FC limitandosi a pubblicarlo integralmente, oltre a commentarlo brevemente come se si trattasse di una spiegazione fornita “sua sponte” dalla società. Nessun riferimento al”movente” di tale comunicato, ovvero l’inchiesta di Teleducato e le conseguenti comunicazioni da parte del segretario generale del TAS.
    Inoltre nessun accenno al riferimento agli “intenti speculativi”, mentre sarebbe stata auspicabile un intervento solidale a fianco dell’emittente concorrente.
    Stiamo a vedere cosa sarà pubblicato domani sul quotidiano, per ora delusione anche qui.
    Sui social network uno dei futuri conduttori di Bar Sport si sbilancia, lanciando un sondaggio tra gli amici per definire con due aggettivi la “comunicazione del Parma Calcio” sulla vicenda. Non esattamente allineato alla linea editoriale, mi pare.
    Vedremo…

    • 22 Agosto 2014 in 00:05
      Permalink

      In effetti non è edificante e non si rende un buon servizio ai propri lettori nel limitarsi a riportare un comunicato stampa senza raccontare cosa possa averlo generato. Specie se tale nota stampa contiene espliciti riferimenti, peraltro diffamatori, nei confronti degli autori della trasmissione cui il club ha inteso replicare. E’ anche un discorso di chiarezza. Così come, sinceramente, stamani mi è dispiaciuto non leggere neppure una riga sul quotidiano locale sulla risposta del Tas a Teleducato che è una notizia. Notizia che infatti altri hanno ripreso (non sempre riportando con la dovuta evidenza a chi il Tas aveva risposto, ovvero alla redazione di Teleducato, nella persona di Michele Angella). E non ci si può neanche appellare all’orario di messa in onda della trasmissione (le 21), poiché era dalle 14 che noi di stadiotardini.it avevamo strombazzato che i colleghi di Calcio & Calcio avevano in mano le risposte del TAS alle loro domande, e che le avrebbero lette in apertura di trasmissione. Così come trovo abbastanza ridicolo che qualcuno, riportando il comunicato del Parma, abbia titolato: “il Parma fa chiarezza con un comunicato”. Ma fa chiarezza cosa? Quel comunicato non ha chiarito un bel niente, dal momento che sul punto focale della questione ha bellamente glissato. La regola 37, per cui il Parma avrebbe potuto chiedere le “misure cautelari” (e alla quale non si poteva opporre né il Tas, né le controparti), perché non è stata richiesta? Per strategia? Sarebbe lecito: però lo si dicesse e ci si spiegasse, anziché continuare a menarla (come da due mesi a questa parte) con la sola regola 44.4 (indubbiamente penalizzante, poiché prevede il placet della controparte per il procedimento accelerato), come se la 37 non esistesse. Benedetti figlioli, capisco che non siate professionisti, e, beati voi, siete giovani: però la chiarezza, lasciatevelo dire da un vecchio Grillo Parlante rompicoglioni, è tutta un’altra cosa.
      Cordialmente
      Gmajo

    • 22 Agosto 2014 in 00:09
      Permalink

      Niente di nuovo sotto il sole, sono anni che le due emittenti fingono di ignorarsi e di vivere in due galassie distinte, anche se poi, sempre da anni, continuano tranquillamente a scambiarsi “giornalisti” e conduttori come se nulla fosse. Chi fa questo mestiere dovrebbe avere a cuore il diritto dei cittadini ad essere informati correttamente, ma in questa ex “isola felice” al momento di professionisti ne vedo ben pochi.
      In ogni caso, onore al sig. Angella e a Majo per l’ottimo lavoro svolto: almeno sono riusciti a rompere l’assordante silenzio che durava da parecchie settimane intorno alla vicenda della licenza Uefa.
      Personalmente sono molto amareggiato per come è stata gestita dal Parma la faccenda del ricorso al Tas, così come trovo patetico il comunicato emesso sul sito societario: credo che certa gente ai piani alti (in particolare il sig. Leonardi) abbia perso definitivamente anche gli ultimi barlumi di credibilità.
      Saluti

  • 22 Agosto 2014 in 00:13
    Permalink

    Gentile Direttore,

    ma con il “benedetti figlioli” si riferisce per caso ai suoi “colleghi” di Parmalive.com ?

    • 22 Agosto 2014 in 00:18
      Permalink

      Si dice il peccato, ma non il peccatore… Appunto perché trattasi di benedetti figlioli…

  • 22 Agosto 2014 in 00:32
    Permalink

    Il Vermouth è notoriamente bevanda atea, perciò mi sento in dovere di dipanare questo sacro alone di mistero: i benedetti figlioli sono proprio i sagrestani di Parmalaiv.com, che di laiv c’hanno molto ma di Parma molto poco!
    Direttore, gli ricordi le acca!!!
    Mi inCHINO al sacrale rispetto del direttore Majo, ma il quinto mistero di Partima andava svelato in laiv!

    Ossequi inCHINATI!

  • 22 Agosto 2014 in 09:18
    Permalink

    Ma se il tas desse ragione al parma come potrebbero riammettere la squadra con i gironi gia completi e l’europa league in corso, a me pare che se interessava l el il parma avrebbe dovuto subito fare ricorso al tas non al consiglio di stato tar e amenita’ varie.
    Anche se ce stato l’ostruzionismo del toro i legali del parma dovevano muoversi subito al tas secondo me hanno sbagliato completamente la tempistica.
    A questo punto mi sembra che il parma punti piu ad un risarcimento danni e che l’europa league non fosse proprio la priorita’ di questa societa’ che ha illuso migliaia di tifosi che ci credevano e ci credono ancora.

  • 22 Agosto 2014 in 10:47
    Permalink

    eh mi sa anche a me,io per assurdo lo avrei presentato il 19 maggio
    vedi che l’amico cairo poteva fare tutto l’ostruzionismo che avrebbe voluto ma siccome il giorno dopo e’ stato il primo a congratularsi col president …magari non si poteva sputtanare per cosi’ poco

  • 22 Agosto 2014 in 11:03
    Permalink

    Finalmente cominciano ad aprirsi gli occhi anche ai tifosi…
    leggo con piacere quel che scrivono Dede81 e soprattutto vecchiaguardia. Quest’ultimo nelle sue ultime due righe finalmente mette nero su bianco il dubbio che aleggia tra coloro che il cervello lo usano, anziché farselo portare in discarica da Leo Ghiro Gazzetta etc.:
    Il business è più importante del risultato sportivo?
    Spero di essere smentito, ma da fatti oggettivi; sono stufo di sentire panzane come purtroppo accade da due mesi a questa parte.

    • 22 Agosto 2014 in 16:48
      Permalink

      C’è qualcuno che è venuto qui a scrivere, dopo aver sentito parlare Leonardi, sostenendo di aver capito che il parma pensasse più a farsi rifondere i danni che a partecipare alla competizione sportiva. La cosa non mi sembra il massimo per un tifoso che non penso debba rallegrarsi per l’ipotetica entrata straordinaria di qualche milione di euro in luogo delle partite continentali. Ma chissà cosa ha capito… Del resto confonde la provvisionale con le misure preventive.
      Io dico che la priorità avrebbe dovuto essere, nel rispetto dei tifosi e dei giocatori che l’avevano conquistata, che i tanti tribunali aditi riconoscessero il diritto a tornare sul campo, non tanto il presunto danno economico. E comunque se anziché seguire strade alternative il parma avesse versato per tempo i 300000 euro di irpef agendo come tutti gli altri club che hanno ottenuto la licenza ci saremmo risparmiati tutti questi discorsi.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 22 Agosto 2014 in 12:03
    Permalink

    Nuovo calendario delle udienze Tas, la causa non è ancora stata calendarizzata…

  • 22 Agosto 2014 in 12:40
    Permalink

    Bravo Ferraguti.
    Se il Parma fosse riammesso? Ci facciamo del male, il tas deve prima riconoscersi competente e poi darci ragione nel merito.. Prepariamoci a sostenere la nostra squadra che finalmente si ricomincia

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI